Sabato 18 Settembre 2021 | 22:46

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

la rassegna

Musiche barocche
a San Vito dei Normanni

barocco festival

SAN VITO DEI NORMANNI (BRINDISI) - Si inaugura domani a San Vito dei Normanni la XX edizione del Barocco Festival Leonardo Leo, la rassegna di musica antica dedicata al grande maestro di San Vito dei Normanni e alla scuola napoletana del Seicento e Settecento. E si comincia proprio con un’opera di Leonardo Leo, l’intermezzo 'La Zingaretta', che andrà in scena nel Chiostro dei Domenicani.
L’intermezzo è tratto dal dramma per musica 'Argene', composto da Leonardo Leo e messo in scena per la prima volta il 17 gennaio 1728 nel Teatro San Giovanni Crisostomo di Venezia, per il primo appuntamento del Festival, dall’orchestra baroque 'La Confraternita dè Musici', diretta dal maestro Cosimo Prontera. Gli intermezzi erano rappresentazioni di genere leggero con vene comiche, una pausa di svago inserita tra un atto e l’altro di un’opera seria. Protagonisti erano spesso un soprano e un basso buffo, i cui caratteri erano ispirati ai tratti dei personaggi della commedia dell’arte o del teatro comico italiano e francese.
Nel 1711 il librettista napoletano Sebastiano Biancardi, costretto a fuggire da Napoli nel 1701 a seguito del fallimento del Banco dell’Annunziata e cambiare nome in Domenico Lalli, scrisse il dramma per musica Argene. L'intermezzo sconvolge per la sua straordinaria attualità prendendosi la licenza, un po' come la moderna satira, di scherzare sui potenti smascherandone i vizi e facendone sberleffo.

La Zingaretta è un’opera in miniatura che ben rappresenta l'evoluzione di stile, i ritmi armonici, i cromatismi e le melodie di quella che diventerà la gloriosa Scuola Napoletana. I personaggi rispecchiano gli stilemi ritrovati nel repertorio della commedia dell’arte. I vizi e le debolezze umane si assomigliano in ogni epoca e il copione della giovane provocante e il vecchio ricco pronto a riempirla di regali per una notte d’amore sembrano essere personaggi usciti dalle pagine di cronaca dei nostri giornali. La Zingaretta è l’ultima delle operine pervenute e che ora il 'Barocco Festival' pone in scena: recuperata otto anni fa dal direttore artistico della rassegna, è rimasta a lungo in sospeso a causa della sua struttura incompleta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie