Mercoledì 23 Ottobre 2019 | 04:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il ritrovamento
Torre Guaceto, nella riserva spunta una rara farfalla notturna

Torre Guaceto, nella riserva spunta una rara farfalla notturna

 
La curiosità
A Orsara niente Halloween: qui si festeggia la notte di Falò e Teste del Purgatorio

A Orsara niente Halloween: qui si festeggia la notte dei Falò e Teste del Purgatorio

 
L'eccellenza pugliese
Lorenzo tarantino con la media del 10 per tutti gli anni di scuola: premiato da Mattarella

Lorenzo tarantino con la media del 10 per tutti gli anni di scuola: premiato da Mattarella

 
La storia
Lecce, sconfigge cancro a 5 anni e ora che ne ha 17 diventa poliziotto per un giorno

Lecce, sconfigge cancro a 5 anni e ora che ne ha 17 diventa poliziotto per un giorno

 
il personaggio
Casarano, 90 anni di Dina Nicolazzo, «regina» delle scarpe per le star di Hollywood

Casarano, 90 anni di Dina Nicolazzo, «regina» delle scarpe per le star di Hollywood

 
L'onoreficenza
Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

 
su corso Vittorio Emanuele
A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

 
La testimonianza in tv
L'eroe di Alberobello: «Giuseppe salvò la mia bimba nel naufragio della Costa Concordia»

L'eroe di Alberobello: «Giuseppe salvò la mia bimba nel naufragio della Costa Concordia»

 
Lotta al degrado
Bari San Girolamo, ecco un nuovo murale per colorare il mercato

Bari San Girolamo, ecco un nuovo murale per colorare il mercato

 

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI disagi
Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

 
LecceUN 22enne
Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

 
TarantoA 8 giorni dal via
Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

 
BrindisiDanni a impianto
Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

 
BatIl caso
Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

 
PotenzaSicurezza in città
Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

 
MateraL'intervista
Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

 

i più letti

il più antico

Bari perde la sua storia
chiude il bar Stoppani

bar Stoppani

BARI - Bari potrebbe diventare una città senza memoria, ha dimenticato che i suoi antenati hanno percorso le vie di Samarcanda, avuto l’esclusiva del commercio del baccalà in tutto il bacino del Mediterraneo, intessuto rapporti economici con tutto l’Oriente: e ora sta per perdere un altro tassello della sua storia, l’antico caffè Stoppani. I suoi proprietari sono costretti a chiudere per problemi economici.

Eppure la storia di questo caffè, in via Roberto da Bari, con molta probabilità (non è stato ancora accertato) il più antico di tutta la regione, risale a molti anni fa e corre parallela a quella della città. Alla metà dell’800 arrivano in Italia molti stranieri per impiantare le loro industrie: a Bari, tra gli altri, i Lindemann con le loro acciaierie, Pierre Etienne Toussaint Ravanas di Aix-en-Provence che innovò la coltivazione dell’olivo in Puglia, e nel 1858 da Sent, un piccolo paese dell’Engadina, i pasticceri esperti nella lavorazione del cioccolato Giacomo Stoppani, suo genero Fausto Poult e i fratelli Giacomo e Gaspare Lenzi. La sede principale della loro azienda è nel Corso Ferdinando (Corso Vittorio Emanuele). La sua sala, diventa ben presto famosa e accoglie, tra gli altri, il re Nicola I del Montenegro, i festeggiamenti quando sua figlia Elena nel 1896 abiurò la fede ortodossa per sposare il re d’Italia, quelli per l’inaugurazione della ferrovia Bari-Brindisi, quelli nel 1913 per festeggiare i 100 anni della città nuova, e ancora Guglielmo Marconi, Benedetto Croce con Giovanni Laterza, e tanti altri ancora. Ma Stoppani è soprattutto ritrovo dei buongustai: gli svizzeri introdussero un nuovo concetto di pasticceria più sofisticata, più leggera, più soffice. Si servono sorbetti, granite di caffè e di limone, cioccolata calda, cassate, spumoni, e le meravigliose torta noci, millefoglie e la mimosa, i sospiri, le ricce con la crema al limone e le friabilissime meringhe con la famosissima panna.

Dopo la seconda guerra, Stoppani deve traslocare traslocare prima in via Abate Gimma e poi in via Roberto da Bari. Oggi Giacomo e Roberto Grass, la quinta generazione degli Stoppani, sono costretti a chiudere per motivi economici e a mettere in vendita gli storici arredamenti. E forse non si potrà più dire - con le parole della poetessa Chiara Galasso - «c'è nel cuore di Bari un caffè/che ricorda Trieste/ dove il tempo ha posato una magica polvere/rosa, irreale/Là ritrovo un antico profumo/un sapore perduto di casa/un saluto gentile». (di Marina Bianchi, ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie