Martedì 28 Settembre 2021 | 01:55

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

l'evento

La Notte della Taranta
il primo gennaio a Gallipoli

E la «Mostra dei presepi» nel frantoio ipogeo

La Notte della Taranta il primo gennaio a Gallipoli

di Giuseppe Albahari

I «presepi in grotta» dell’associazione Gallipoli Nostra, che saranno inaugurati oggi, introducono il periodo delle visite ai presepi gallipolini, ma per gli amanti della musica lo sguardo si allunga subito al Capodanno, quando Gallipoli ospiterà il concerto de «La Notte della Taranta». Si svolgerà il primo gennaio in piazza Tellini, scelta da leggersi come tassello di un’ulteriore opportunità di destagionalizzazione rispetto all’estate «affollata» di concerti. Il tutto una quindicina di anni dopo la «pizzica sinfonica» che l’Ensemble Notte della Taranta diretta da Piero Milesi eseguì, d’estate in area portuale, insieme con l’allora Orchestra della Fondazione Ico «Tito Schipa»

Il concerto è reso possibile dalla sinergia tra il Comune guidato dal sindaco Stefano Minerva, la Fondazione della Notte della Taranta presieduta da Massimo Manera e lo staff del Parco Gondar. Presto se ne conosceranno significati e motivazioni.

Ci sono due aspetti dell’evento, però, che costituiscono dei punti fissi: uno è rappresentato dallo spettacolo proposto dall’Orchestra, che a quel punto giungerà in città direttamente da Catania, dove con Carmen Consoli (maestra concertatrice della passata Ndt a Melpignano) darà vita al concerto di mezzanotte in equilibrio tra il vecchio e il nuovo anno. È dunque lecito attendersi l’esibizione più «tarantolata» che ci sia, quale può proporre l’Orchestra Ndt, celeberrima ormai anche a livello internazionale, vera colonna sonora del Salento. O per meglio dire della Puglia, visto che la «pizzica pizzica» è diventata la musica-danza identitaria e quasi per antonomasia della regione. Musica senza tempo, di grande ritmo, in grado di scazzacare - volente o nolente - chiunque assista al concerto, unico in forza della tradizione popolare di cui rappresenta il nerbo e che sempre più spesso si apre alla multicultura musicale.

C’è poi la peculiarità di Gallipoli di essere - a quanto si conosce - l’unica città di mare ad avere coltivato esperienze di «tarantate». Le donne, ovviamente, non venivano punte in campagna. È Luigi Riccio a scrivere, nel 1808, delle donne del popolo, abitanti nei bassi della città, le quali, «credendo di essere morse dalla tarantola ballano due, o trè giorni».

Ma torniamo ai presepi, l’associazione «Gallipoli Nostra» presieduta da Elio Pindinelli ne ha allestiti 13 nella grotta del frantoio ipogeo di palazzo Briganti, con l’ausilio dei «pupi» tradizionali realizzati da Vincenzo Vincenti di Gallipoli e dal maestro Rocco Corciulo di Alezio. L’originale mostra sarà inaugurata stasera alle 19.30, ma il raduno è alle 19 in piazza della Repubblica per chi voglia raggiungere via Angeli accompagnato dal suono della pastorale gallipolina.

Tanto il frantoio di palazzo Briganti, che è stato il primo ad essere valorizzato da «Gallipoli Nostra» nel 1980, quanto quelli di palazzo Granafei situati in via De Pace, potranno essere visitati, gratuitamente, fino al 6 gennaio, tutti i giorni dalle 17 alle 21; con esclusione dei giorni 24, 25 e 31 dicembre, quando la fascia oraria sarà dalle 10 alle 12. Presso detti frantoi saranno anche disponibili guide con il compito di illustrare gratuitamente ai visitatori le strutture e fornire informazioni turistiche e storico-artistiche sui principali monumenti cittadini.

«Natale a Gallipoli» propone, sempre stasera, alle 20.30 nel Teatro Italia, anche un saggio di danza a cura di Cinzia Ria. Da domani, invece, a caratterizzare ulteriormente la «Città bella» come «città dei presepi», si aggiungerà quello artistico a grandezza naturale, allestito in una sala di via De Pace dalla comunità parrocchiale della basilica cattedrale di Sant’Agata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie