Domenica 26 Settembre 2021 | 03:23

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

appuntamento nel castello

«Dialoghi di Trani»
la kermesse dal 20 al 25

«Dialoghi di Trani»la kermesse dal 20 al 25

Nico Aurora

La data fissata per quest’anno è dal 20 al 25 settembre, nell’imprescindibile punto di riferimento del castello svevo di Trani, ma coinvolgendo per la prima volta, anche altre due città quali Bisceglie e Corato. Una scelta in linea con il tema della 15ma edizione, «Condividere», un verbo oggi fra i più utilizzati, anche e soprattutto grazie ai social network. Così i Dialoghi di Trani, a cura dell’associazione La Maria del porto, entrano sempre più nella sfera della nuova comunicazione, associando la valorizzazione di libro e lettura a quella della tecnologia in tutti i suoi nuovi formati e piattaforme, ma condividendo, appunto, appuntamenti ed esperienze anche con il territorio.

«Condividere per includere», ha specificato Rosanna Gaeta, direttore artistico della rassegna, aprendone la presentazione presso il padiglione della Regione Puglia in Fiera del levante. E ha sottolineato il valore della manifestazione tranese, «fondata sul dialogo, come spazio di confronto e scambio, apertura e curiosità, soglia tra culture, linguaggi, arti, con una particolare attenzione a quanto si affaccia sul Mediterraneo e condivide il valore comune dello scambio e quindi del dialogo». E ha annunciato la prima importante novità: per la prima volta l’ingresso al Castello sarà completamente gratuito per il pubblico, grazie al sostegno di sponsor privati come l’impresa Giuseppe Veronico, la Fondazione Megamark ed Exprivia.

Per l’assessore regionale all’industria turistica e culturale, Loredana Capone, che sarà nei prossimi giorni tra i protagonisti della rassegna, «condividere è indispensabile e lo è ancor di più in un momento storico in cui comunicare attraverso le nuove tecnologie rischia di creare solchi invalicabili di divisione, anziché condivisione. I Dialoghi di Trani rappresentano un patrimonio culturale che la Regione non intende disperdere». Anche il presidente della giunta regionale, Michele Emiliano, ha voluto condividere alcune immagini evocative che lo legano intimamente a Trani: «La città evoca in me tanti cari ricordi fin da quando ero bambino e poi durante la mia carriera di magistrato. E i Dialoghi di Trani sono un importante strumento di inclusione e promozione della lettura».

Tra le altre importanti novità di quest’edizione dei tre lustri, la partecipazione di Bisceglie, che porterà alcuni eventi della rassegna in luoghi simbolici della città, come Palazzo Tupputi, e la conferma di Corato, che ospiterà l’evento di apertura (Artusi Remix con Donpasta), martedì 20 settembre, presso il teatro comunale. Nell’ambito dei Dialoghi di Trani è in programma anche la premiazione del vincitore della prima edizione del Premio letterario «Incontri di dialoghi», riservato alle opere prime di narrativa italiana e promosso dalla Fondazione Megamark di Trani. «L’entusiasmo del fare bene - ha dichiarato Giovanni Pomarico, a capo della Fondazione Megamark e dell’omonimo gruppo – ci spinge a intraprendere nuove strade e affrontare avvincenti sfide, come quella di creare un premio letterario, che in Puglia mancava. L’occasione è nata dall’incontro con i Dialoghi di Trani»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie