Giovedì 21 Marzo 2019 | 09:25

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Al Comune non piace via l'installazione d'arte

Al Comune non piace via l'installazione d'arte
di ALESSANDRO SALVATORE

TARANTO - Via l’arte da Piazza Garibaldi. Covata per quattro anni, realizzata in un mese, l’installazione fatta da Ettore Marchi con materiale da riuso, ha visto la sua durata per un mese e mezzo. Da ieri notte il geometra con esperienza nell’edilizia e carpenteria metallica ha iniziato a smantellare la sua opera «perché - spiega il creativo alla Gazzetta - mi sono visto cinquecentuplicare, da parte del Comune di Taranto, la tassa sull’occupazione del suolo pubblico. Ritrovandomi con un onere economico non previsto, perché differente rispetto al precedente esborso fissato con l’ente locale sulla locazione dei primi sei mesi della struttura, ho deciso di rimuoverla. Lo farò a mie spese, come fatto per la donazione della stessa alla comunità. Mi dispiace, perché a mio avviso Taranto perde uno spazio per promuovere l’arte dei suoi talenti, spesso costretti ad emigrare».

Dopo aver già arricchito l’arredo urbano di Roma Eur con la sua opera «Giocando» e regalando al capoluogo jonico l’installazione «Vele», Marchi aveva costruito «Uno spazio per l’arte», radunando decine di performers, che dal 30 settembre scorso avevano iniziato ad esprimere le loro idee, esponendole, comunicandole e sviscerandole al pubblico, la maggioranza del quale di passaggio nello spazio del Borgo.
«L’area espositiva - spiega Marchi - ha radunato diversi talenti con i loro frutti artistici. Ultime, in corso sino a ieri, le creazioni di Valeria Ru racchiuse nella mostra “Essenzialità interrotta”». Un titolo profetico, visto che da oggi il corso dell’arte a cielo aperto sarà molto probabilmente stoppato per ragioni burocratico- politiche.

A quanto pare l’assessorato alla Cultura del Comune di Taranto non ha gradito lo spazio costruito da Marchi con materiale in ferro e caratterizzato dalla tridimensionalità. Da qui il rifiuto di non colmare quel gap economico che avrebbe garantito la sopravvivenza di un’opera che, per la sua estetica avveniristica e la superficie ridotta, divide i tarantini, esplosi polemicamente sul classico canale-sfogo di Facebook.

Piaccia o non piaccia, la struttura di Marchi rappresentava u n’idea utile alla città. Con la doppia finalità di arricchirla architettonicamente e di donarle uno spazio vitale per i suoi creativi, specie di giovane età. A meno di un ripensamento da parte dell’artista (l’imprenditoria privata vuole sostenerlo ed il Comune potrebbe «concedersi» economicamente), salteranno i prossimi appuntamenti previsti nell’area espositiva, a partire dalla collettiva dei giovani «indigeni» dell’Accademia di Lecce e degli allievi dell’Istituto d’arte Lisippo di Taranto. Una nuova occasione persa dunque per il capoluogo jonico. In Piazza Garibaldi può tornare ad imperare il bivacco.

(la foto è di Max Perrini)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

 
Matera, protesta lavoratori all'azienda sanitaria locale: «Giù le mani dai nostri soldi»

Matera, protesta lavoratori all'azienda sanitaria locale: «Giù le mani dai nostri soldi»

 
Coralli nei fondali di Monopoli, ecco le nuove immagini: è il primo caso nel Mediterraneo

Coralli nei fondali di Monopoli, ecco le nuove immagini: è il primo caso nel Mediterraneo

 
Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

 
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Van Gogh Experience: a Lecce con la realtà virtuale si «entra» nei quadri dell'artista

Van Gogh Experience: a Lecce con la realtà virtuale si «entra» nei quadri dell'artista

 
«Da che mondo è mondo», da Brindisi Maggiore, autoprodotto, canta il mare e la felicità

«Da che mondo è mondo», da Brindisi Maggiore, autoprodotto, canta il mare e la felicità

 
Berlusconi in Basilicata: «Impossibile che qui non ci sia aeroporto»

Berlusconi in Basilicata: «Impossibile che non ci sia aeroporto». «Hai fiducia in Governo? Sei un cogl***e»

 
Sciopero clima, da Bari a Taranto un solo slogan: ci avete rotto i polmoni

Sciopero clima, da Bari Taranto Lecce e Potenza un solo slogan: «ci avete rotto i polmoni»