Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 11:10

Per i cento anni dal genocidio armeno Puglia omaggia Aznavour

Per i cento anni dal genocidio armeno Puglia omaggia Aznavour
MONOPOLI (BARI) – Con il progetto 'Pour toi, Armènie', che sarà presentato in prima nazionale domani nell’ambito Festival Ritratti, a Monopoli, nel chiostro di Palazzo San Martino, Cristina Zavalloni ricorderà Charles Aznavour, le sue origini armene e il genocidio di cento anni fa.
Il concerto verrà riproposto – ricordano gli organizzatori con un comunicato – il primo settembre a Bari per l'inaugurazione del festival 'Anima Meà alla presenza dell’ambasciatore armeno in Italia, Sargis Ghazaryan.

I festival Ritratti e Anima Mea sono manifestazioni inserite nella rete Orfeo Futuro sostenuta da Puglia Sounds.
L'appuntamento nel capoluogo si terrà all’interno del villaggio profughi Nor Arax di via Amendola, creato nel 1924 dal poeta in esilio Hrand Nazariantz, dove verranno anche presentate alcune opere ispirate all’esodo del popolo armeno, i video Rimani, mi dicesti, ed io restai (2013) della barese Agnese Purgatorio e La Rinascita – VeraZnunt (2008) dell’avellinese Antonello Matarazzo, e l’opera in ceramica di Antonio Vestita della Bottega Vestita di Grottaglie, Fiori d’Armenia (2015).
Cristina Zavalloni, cantante bolognese in grado di spaziare dal jazz al repertorio classico, antico e contemporaneo, celebra lo straordinario chansonnier di origine armene (il cui vero nome è Shanhour Vaghinagh Aznavourian) che non sarebbe potuto nascere se la madre non fosse sopravvissuta al genocidio del 1915.

Nel centenario della tragedia, ancora scolpita nella memoria del popolo discendente dal leggendario Haik, Pour toi, Armènie è, dunque, il ricordo di quell'orrore che gli armeni chiamano Medz Yeghern, il Grande Male. Cristina Zavalloni, accompagnata dall’Ensemble '05, proporrà tra le altre, Tous les visages de l'amour, Vivre avec toi, Si tu m'emportes, Ed io tra di voi, Qui?, Les plaisirs dèmodès, La mamma, Le cabotin (L'istrione) e, per l’appunto, Pour toi, Armènie.

L'Ensemble '05 è formato da Cristiano Arcelli al sax, Massimo Felici alle chitarre, Paola Crisigiovanni al pianoforte, Pasquale Gadaleta al contrabbasso, Cristiano Calcagnile alla batteria, Sara Sartore all’oboe, Ylenia Carbonara al flauto, Cristina Ciura al violino, Claudia Laraspata alla viola e Mariapia D’Attolico al violoncello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo