Venerdì 21 Settembre 2018 | 03:06

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Nuova vita per 11 fari al via progetti turistici

Nuova vita per 11 fari al via progetti turistici
di ENRICA SIMONETTI

È finalmente arrivato il tempo della Gita al Faro: se nel libro di Virginia Woolf, la grande torre sul mare diventa un simbolo quasi inarrivabile, in Italia - dopo decenni e decenni di ritardi - si stanno per aprire le porte di luoghi magici e abbandonati, suggestivi e misteriosi. Il sogno di dormire in un faro o di partecipare ad eventi all’ombra di una lanterna si avvera: ieri è stato presentato a Bari un progetto che darà una seconda vita ai primi 11 fari d’Italia, tutte dimore in cui regnano luce, cielo e mare. Un programma di alto respiro che per fortuna prende le mosse da due importanti punti di partenza, come la cultura e il rispetto dell’ambiente.

A creare la prima rete di fari in concessione e cioè in affitto ai privati è l’Agenzia del Demanio che, di concerto con il Ministero della Difesa e gli Enti territoriali interessati, sta permettendo di creare azioni capaci di valorizzare un patrimonio che in altre zone del mondo ci invidiano. Sono stati recuperati e utilizzati per turismo e cultura, ad esempio, i fari statunitensi (sotto Boston), in molti casi non antichi e interessanti dal punto di vista architettonico come invece lo sono i nostri. Quelli che giustamente lo scrittore Predrag Matvéjevic definisce «le cattedrali del mare», perché contengono silenzio e natura, perché ci avvicinano all’azzurro e alla luce.

L'iniziativa «Valore Paese – Fari» intende portare idee e riutilizzo. E non certo rumore. Ieri a Bari il progetto - di cui la «Gazzetta» ha già parlato alcune settimane fa - è stato precisato e reso concreto in occasione del terzo Convegno Giovani Ance Mezzogiorno. I fari saranno concessi in bando (uscirà tra settembre e ottobre) di fronte a un’idea imprenditoriale innovativa e sostenibile a livello ambientale. E le richieste stanno già arrivando, tanto che i responsabili sono a loro volta stupefatti del grande interesse del pubblico.

In Puglia, per ora, l’unico faro che sarà dato in concessione è quello di San Domino, con la sua cupoletta affacciata su uno degli scorci più belli delle isole Tremiti: un piccolo paradiso la cui tranquillità fu interrotta nel 1987 da un terribile attentato terroristico, avvenuto all’epoca in cui Gheddafi minacciava l’Italia. Come in ogni faro, c’è sempre un mistero da svelare e qui l’incredibile storia internazionale s’interseca con la meraviglia di un luogo lontano da tutto e vicino al mare e ai gabbiani.

Il produttore cinematografico ed editore barese Domenico Procacci, creatore di Fandango, ieri era presente alla conferenza e - grande appassionato di fari - non fa mistero del fatto che gli piacerebbe poter creare eventi ed iniziative legati ad un possibile riuso di queste torri.

Progetti in cui cultura e green economy saranno il tema conduttore. Lo hanno sottolineato tutti coloro che ieri hanno presentato l’iniziativa: da Stefano Mantella (Direttore Centrale Strategie, Progetti di Valorizzazione e Partecipazioni, Agenzia del Demanio) a Maria Francesca Silva (Presidente, Difesa Servizi S.p.a.) fino a Barbara Casillo (Direttrice, Associazione Italiana Confindustria Alberghi), Lamberto Mancini (Direttore Generale, Touring Club), Giovanni Portaluri (Responsabile Competitività e Territorio, Invitalia) e Eduardo Gugliotta (Istituto per il Credito Sportivo). Avviene in tantissimi Paesi del mondo: dall’Australia al Canada, dalla Croazia all’Olanda, con le lighthouse accommodation, formula turistica in chiave eco e per la salvaguardia del territorio.

Lo strumento scelto per realizzare questo obiettivo sarà la concessione (affitto) fino a 50 anni degli immobili a operatori che possano sviluppare un progetto turistico dall’elevato potenziale per i territori, in una logica di partenariato pubblico-privato ed a beneficio di tutta la collettività. La crisi impone una svolta: le torri non possono restare abbandonate e il patrimonio va tutelato e riutilizzato.

L’Agenzia del Demanio ed il Ministero della Difesa hanno avviato una consultazione pubblica online, destinata a chiunque abbia idee e proposte: è disponibile una piattaforma online su www.agenziademanio.it, nella sezione dedicata a Valore Paese- Fari. I suggerimenti raccolti grazie alla consultazione pubblica, che terminerà il 10 agosto, serviranno a delineare gli scenari di valorizzazione sui quali orientare i bandi di gara. Questi ultimi verranno pubblicati nell’autunno 2015 per concludersi a inizio 2016, e consentiranno di selezionare gli operatori che si aggiudicheranno la concessione dei fari.

Finora sono arrivate già tante diverse proposte (in cima agli interessi l’isola del Giglio) e va rimarcato come le idee vengano da semplici appassionati o da super-imprenditori: il fascino dei fari è una suggestione trasversale, che può legare chi ama il mare, la storia, il turismo e la cultura. Una Grande Bellezza sulla quale finalmente si accende l’interesse.

Per chi sia interessato, ecco i primi 11 fari che saranno dati in concessione: si trovano in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Toscana e sono il Faro di Brucoli ad Augusta e il Faro di Murro di Porco a Siracusa; Capo Grosso nell’Isola di Levanzo – Favignana (Trapani); Punta Cavazzi ad Ustica; Capo d’Orso a Maiori (Salerno); Punta Imperatore a Forio d’Ischia; San Domino alle Tremiti (Foggia). Ed ecco i quattro beni proposti dal Ministero della Difesa: il Faro Punta del Fenaio e quello di Capel Rosso sull'Isola del Giglio; Formiche di Grosseto e Capo Rizzuto (Crotone). Saranno consegnati già con il cambio di destinazione d’uso e cioè con meno intoppi burocratici possibili all’orizzonte. Che significa immediatamente utilizzabili. E luce sia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Il Biancorosso torna in edicolaEcco tutte le novità: la diretta

Bari calcio, torna «Il Biancorosso»:
Sul web anche spazio per i tifosi

 
Giornata Alzheimer, «Chi è Marco»: il video che racconta il dramma della malattia

Alzheimer, «Chi è Marco»: lo spot che racconta la malattia

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
Asl Bari audio

Asl Bari audio

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Spaccio droga, arrestati tre membri della famiglia Portante dopo intercettazioni

Foggia, dal carcere le indicazioni ai familiari per lo spaccio, 3 arresti VD

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

ANSA.TV

Economia TV
Salone Genova vetrina della nautica che cresce a 2 cifre

Salone Genova vetrina della nautica che cresce a 2 cifre

 
Mondo TV
Africa Sarda: uno studio di registrazione per i ragazzi in Zambia

Africa Sarda: uno studio di registrazione per i ragazzi in Zambia

 
Notiziari TV
Ansatg delle 21

Ansatg delle 21

 
Italia TV
Alzheimer, diagnosi precoce possibile ma cure lontane

Alzheimer, diagnosi precoce possibile ma cure lontane

 
Sport TV
Giochi 26:Milano-Cortina,Plushenko 'sarebbe grande successo'

Giochi 26:Milano-Cortina,Plushenko 'sarebbe grande successo'

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Spettacolo TV
La Pop Art sbarca a Torino

La Pop Art sbarca a Torino

 
Calcio TV
Champions, Ronaldo espulso per una manata

Champions, Ronaldo espulso per una manata