Sabato 27 Febbraio 2021 | 22:54

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 
Musica
«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

 
Musica
«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

 
Musica
Citando Godard i «2eleMenti» suonano il loro originale fantasy pop

Citando Godard i «2eleMenti» suonano il loro originale fantasy pop

 
Musica
«Mille cose», brano d'esordio del tarantino Edodacapo, «per infelice consapevoli»

«Mille cose», brano d'esordio del tarantino Edodacapo, «per infelici consapevoli»

 
Il brano
«Come i delfini», l'estro di Iravox anticipa la raccolta di tutti i suoi singoli

«Come i delfini», l'estro di Iravox anticipa la raccolta di tutti i suoi singoli

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Il disco

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Rarità preziose con Margherita Sciddurlo, la «signora» dell'organo

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Sono trascorsi all’incirca dieci anni da quando, con un indubbio gesto di coraggio, l’organista molese Margherita Sciddurlo – apprezzata docente del Conservatorio «Nino Rota» di Monopoli – ha dato vita nella sua cittadina ai «Concerti di Santa Maria del Passo». Gesto coraggioso, si diceva, perché già di per sé l’idea di organizzare una rassegna organistica potrebbe apparire azzardata o in ogni caso «di nicchia», specie in un’epoca nella quale – prima che il Covid azzerasse tutto inesorabilmente – sembrava indispensabile buttarsi alla ricerca dei cosiddetti «eventi».

E invece no, perché con una costanza e una determinazione tutte squisitamente femminili – quanto abbiamo ancora da imparare noi uomini… - ha saputo trasformare quella rassegna in un seguitissimo punto di riferimento addirittura internazionale, arrivando a ospitare a Mola persino alcuni acclamati interpreti del panorama europeo. Un risultato frutto di tenacia, senza dubbio, ma anche favorito da una sede, la chiesa di Sant’Antonio, che ospita uno strumento di gran pregio, un organo «Petrus de’ Simone» del 1747, tornato a una nuova vita nel 2007, dopo un accurato lavoro di restauro. Ed è appunto il «Petrus de’ Simone» lo strumento col quale la Sciddurlo – che in questi anni ha spaziato anche in repertori di taglio più moderno – ha affrontato una registrazione di grande interesse storico musicale per l’etichetta bolognese Tactus, ovvero il cd La tradizione organistica pugliese-napoletana dal Rinascimento al Barocco.

Come si è più volte ricordato – e come in maniera completa e inappuntabile ribadisce anche il musicologo barese Dinko Fabris nelle note di copertina – il novero della cosiddetta «Scuola napoletana» include anche numerosi musicisti pugliesi che, giocoforza, dovettero recarsi a Napoli, la capitale del regno, per svolgere dei regolari studi musicali. Una scelta, la loro, spiegata anche dal fatto che, a cavallo tra il Sei e il Settecento, quello di musicista era uno dei mestieri più ambiti in quanto in grado di garantire un’occupazione sicura (altri tempi, altre storie verrebbe da dire…).

Ferma restando allora l’affiliazione alla grande famiglia «napoletana», presente in scaletta con rappresentanti ad essa appartenenti anche per nascita, la Sciddurlo ha inteso celebrare alcuni grandi pugliesi, in molti casi noti più per aver praticato altri generi che non per le proprie composizioni organistiche. E le sue scelte hanno così finito per coprire un intervallo temporale ampio che si estende dal Cinquecento del barese Rocco Rodio al tardo Settecento del tarantino Giovanni Paisiello, passando attraverso il brindisino Leonardo Leo, il monopolitano Giacomo Insanguine e il bitontino Nicola Bonifacio Logroscino. Alle loro composizioni si aggiungono quindi altre dell’abruzzese Fedele Fenaroli, oltre che dei «napoletani» Gaetano Greco, Alessandro Scarlatti, Niccolò Jommelli e Niccolò Porpora.
Un viaggio attraverso epoche e repertori che potrebbero rivelarsi nuovi e fascinosi anche per i consumatori abituali del genere «classico», normalmente più adusi ad ascoltare ben altro tipo di composizioni e che la Sciddurlo sa rendere vieppiù gradevole grazie alle sue qualità interpretative di prim’ordine. Una collezione di rarità che meritano di essere conosciute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie