Mercoledì 14 Aprile 2021 | 19:54

NEWS DALLA SEZIONE

Disco
Con Mauro Gargano il jazz risuona di «distanziamento»

Con Mauro Gargano il jazz risuona di «distanziamento»

 
Il brano
«Haumea», dal Salento Ariostea e il suo inno alla forza di andare avanti nonostante le difficoltà

«Haumea», dal Salento Ariostea e il suo inno alla forza di andare avanti nonostante le difficoltà

 
Nuovo singolo
«Omogeneizzato», con ironia il progetto Acquari canta il senso della vita

«Omogeneizzato», con ironia il progetto Acquari canta il senso della vita

 
Nuove uscite
«Sono arrivato qui», il salentino Mava e il coraggio di essere se stessi

«Sono arrivato qui», il salentino Mava e il coraggio di essere se stessi

 
L'ep
«Ho sconfitto il bullismo con la musica e la poesia», da Castellaneta la forza del flauto di Giuseppe Palmisano

«Ho sconfitto il bullismo con la musica e la poesia», da Castellaneta la forza del flauto di Giuseppe Palmisano

 
Il disco
Creatività e pandemia, il pugliese Abbaticchio conquista le classifiche Usa

Creatività e pandemia, il pugliese Abbaticchio conquista le classifiche Usa

 
Musica
«Band Aid 2020», il mito degli anni '80 nel nuovo lavoro del gruppo leccese-bolognese

«Band Aid 2020», il mito degli anni '80 nel nuovo lavoro del gruppo leccese-bolognese

 
Colonne sonore
Le porno-vendette della serie Nudes e la musica del barese Cerasi

Le porno-vendette della serie Nudes e la musica del barese Cerasi

 
La recensione
Con «Tabacco e caffè» viaggio in Brasile attraverso le note

Con «Tabacco e caffè» viaggio in Brasile attraverso le note

 
Musica
«Una buona storia», nuovo singolo per il duo Bautista

«Una buona storia», nuovo singolo per il duo Bautista

 
L'iniziativa
Puglia Sounds Plus: 92 progetti musicali finanziati, tra multimedia e tour dal vivo

Puglia Sounds Plus: 92 progetti musicali finanziati, tra multimedia e tour dal vivo

 

Il Biancorosso

Biancorossi con quattro diffidati
Verso Bari-Palermo: designazione arbitrale, giudice sportivo, ultime news

Verso Bari-Palermo: ecco l'arbitro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl personaggio
A Bari i funerali blindati del boss Mercante

A Bari i funerali blindati del boss Mercante

 
PotenzaIl virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
MateraL'inchiesta
Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

 
BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
Foggianel foggiano
San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 

i più letti

Novità

«Vivere piano», il nuovo disco di Orazio Saracino, ritmo lento che fa crescere la musica

Tante influenze e stili, dal jazz di Brad Meldhau a De Gregori e Cammariere

«Vivere piano», il nuovo disco di Orazio Saracino, ritmo lento che fa crescere la musica

Nel titolo un doppio significato. Vivere piano, infatti, è il secondo e nuovo lavoro discografico del 35enne pianista e compositore, ma anche ingegnere ambientale, di Giovinazzo Orazio Saracino.
Un titolo in cui l’artista sottolinea la sua passione per il pianoforte, ma che diventa anche una sorta di inno alla lentezza. «La mia disposizione d’animo mi porta ad essere calmo, tranquillo: la lentezza è insita in me – spiega Saracino-. Poi, con l’esperienza del lockdown, mi sono convinto ancora di più sulla qualità di un approccio verso questo modo di affrontare la vita. Sarà una visione utopistica, ma immagino una società post- Covid in cui si possano riscrivere le regole applicando i dettami della lentezza per non tornare alla frenesia della società occidentale a cui siamo abituati. Lasciamo la possibilità di cogliere la profondità delle cose, dell’attimo e i piccoli dettagli della vita che sono molto importanti».

Il nuovo progetto discografico del musicista pugliese, è il frutto del lavoro creativo sviluppato in modo discontinuo negli ultimi tre anni, iniziato subito dopo l’uscita del suo primo album di inediti Incontro Tempo Suite. Nei nove inediti di Vivere Piano, Saracino mette in campo tutte le sue ispirazioni musicali in cui trasporta il linguaggio jazz nella canzone d’autore, senza trascurare riferimenti alla musica brasiliana e a una sottile controllata presenza di elettronica.
Cinque brani cantati con liriche decisamene ispirate, qualità compositive riconosciute di recente anche al «Premio Internazionale Salvatore Quasimodo», dove si è classificato al terzo posto, con in giuria Alessandro Quasimodo e Giulio «Mogol» Rapetti.

Quattro, invece, sono brani strumentali costruiti con una mescolanza di generi musicali, dove le sfumature jazzistiche rappresentano il collante più importante. «Lungi da me definirmi jazzista prosegue Saracino -, attingo dal linguaggio della musica afroamericana a livello di sfumature, ma mi indirizzo prevalentemente sulla musica d’autore concepita in una certa maniera e nella quale introduco queste chicche jazzistiche. Definirlo disco jazz sarebbe improprio».
Nella musica di Saracino, quindi, c’è tanto studio (diplomato in pianoforte al Conservatorio Piccinni di Bari e il biennio di specializzazione in pianoforte jazz presso il Conservatorio «Nino Rota» di Monopoli) e influenze dettate da ascolti di nomi altisonanti della musica internazionale e di autori italiani. «Adoro spaziare tra i diversi generi musicali – conclude Saracino -, anche i miei ascolti sono eterogenei: da Brad Mehldau a Ryūichi Sakamoto, passando per Yann Tiersen. A questi grandi nomi si aggiungono autori italiani del calibro di Fabio Concato, Sergio Cammariere e Francesco De Gregori. Per quanto riguarda le ispirazioni brasiliane, sono legate all’ascolto di un disco un disco in particolare, Carioca di Stefano Bollani, un mondo che mi affascina molto».

Alla realizzazione del disco hanno partecipato Eugenio Venneri (contrabbasso), Michele Marrulli (percussioni) Giuseppe Todisco (tromba e flicorno), Stefano De Vivo e Alex Grasso (chitarre), Mimmo Campanale (batteria), Gabriele Mastropasqua (sax), e le voci di Larry Franco, Dee Dee Joy, Mizio Vilardi, Tommaso Lanotte e Rita Scalera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie