Giovedì 29 Ottobre 2020 | 08:59

NEWS DALLA SEZIONE

Nuove uscite
«Molteplice», online il nuovo video del chitarrista salentino Marcello Zappatore

«Molteplice», online il nuovo video del chitarrista salentino Marcello Zappatore

 
Musica
«Sabato mattina», esce il nuovo singolo di Daniele Lanave

«Sabato mattina», esce il nuovo singolo di Daniele Lanave

 
Musica
Gianluca De Rubertis: «Il pop è la metafora della mia anima»

Gianluca De Rubertis: «Il pop è la metafora della mia anima»

 
Musica
Locus Festival 2021: l'anteprima è a Trani con Devendra Banhart

Locus Festival 2021: l'anteprima è a Trani con Devendra Banhart

 
Dopo il Dpcm
Puglia, l'urlo dal mondo della musica live: «Distribuire meglio i ristori, priorità a chi è in regola. Solo col vaccino torneremo alla vita di prima»

Puglia, l'urlo dal mondo della musica live: «Distribuire meglio i ristori, priorità a chi è in regola. Solo col vaccino torneremo alla vita di prima»

 
Nuove uscite
«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

 
Il personaggio
Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

 
L'appuntamento
Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

 
L'appuntamento
Musica Nuda, voce e contrabbasso al Fusco di Taranto in un evento tra prestigio e integrazione

Musica Nuda, voce e contrabbasso al Fusco di Taranto in un evento tra prestigio e integrazione

 
Musica
Benedetto Lupo, talento e pathos al pianoforte

Benedetto Lupo, talento e pathos al pianoforte

 
Nuove uscite
«Cartoline»: i cambiamenti della vita nel nuovo lavoro del rapper salentino Gaston

«Cartoline»: i cambiamenti della vita nel nuovo lavoro del rapper salentino Gaston

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
PotenzaLa curiosità
Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

 
BrindisiDolci
«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
LecceContagi in città
Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

L'intervista

Cerasi: «Rota? Ci insegna cos'è la musica assoluta»

Il compositore, oggi premiato a Bari, è al lavoro su tre progetti di Rai 1

Cerasi: «Rota? Ci insegna cos'è la musica assoluta»

Sono passati vent’anni da quando il 40enne compositore barese Francesco Cerasi decise di lasciare la sua città per stabilirsi a Roma. Ed è proprio nella capitale che ha iniziato la sua carriera di compositore di musiche per il cinema e la tv che lo ha portato a collaborare con alcuni dei più importanti registi italiani, scrivendo oltre 60 colonne sonore e ottenendo riconoscimenti importanti come il Nastro d’Argento e diverse nomination al Globo d’Oro. Anche arrangiatore e autore di canzoni per noti voci italiane, Cerasi è stato l’ideatore del primo esperimento di «audio arte» in Italia. Dieci anni fa, infatti, alla Galleria Nazionale d’arte moderna, ha presentato le proprie composizioni ispirate a opere rappresentative e iconografiche dell’arte figurativa del Novecento, che incuriosirono e spinsero a parteciparvi anche Ennio Morricone. Cerasi, attualmente impegnato su tre progetti filmici (due per Rai1), sarà questa sera a Bari - Torre a Mare per ritirare il Premio Nino Rota; seguirà una sua performance al pianoforte con il fisarmonicista Antonio Loderini. Nella stessa serata sarà premiato anche il pianista e compositore foggiano Carmine Padula - che terrà un concerto con il suo quartetto - e Maurizio Mazzenga, componete della formazione romana Mokadelic, nota per le musiche di Gomorra La serie. In caso di maltempo, i due concerti del Premio Rota si terranno alle 21.30 nella parrocchia San Nicola a Torre a Mare.

«È una grande gioia ricevere questo premio – commenta Cerasi -. In primis perché è dedicato a un genio come Nino Rota e mi verrà consegnato da un altro grande maestro come Franco Piersanti. Poi, perché arriva dalla mia città e, non ultimo, un ringraziamento a Gianluigi Trevisi, il direttore artistico di questo premio e di Time Zones. Quando vivevo a Bari con i miei genitori, abitavo nella stessa strada dove c’erano la sede del festival, quindi anche se ero piccolo vivevo di riflesso grandi concerti e artisti che “miracolosamente” frequentavano la nostra città».

Cosa rappresenta per lei Rota?
«È il simbolo della melodia italiana nel mondo dalla fine dei maestri dell’opera lirica, Rossini e Puccini a oggi. Più di O’ sole mio e Nel blu dipinto di blu, il tema de Il Padrino è un po’ unl simbolo in tutto il mondo. Tra l’altro Rota ha scritto della musica assoluta, non per il cinema, che è meravigliosa, composizioni per pianoforte e orchestra che stranamente sono meno conosciute. Era incredibilmente moderno nonostante fosse molto orecchiabile e classico. Credo che i film di Sergio Leone senza Ennio Morricone e quelli di Federico Fellini senza Rota, forse avrebbero avuto un destino diverso».

A proposito di Morricone, è stato ospite al suo progetto di «audio arte». Quanto è stato importante il lavoro Morricone e Rota per voi giovani autori?
«Morricone sta alla musica come Omero alla letteratura. La sua grandezza la si percepisce dal fatto che non ha avuto la consacrazione da morto, ma da vivo cosa molto rara. Quando venne a vedere il mio lavoro “audio arte”, si fece accompagnare in galleria perché voleva ascoltare e chiacchierare con me. Questo la dice lunga di quanto era umile e, allo stesso tempo, curioso per certe proposte. Del resto un genio sta sempre al di sopra delle cose umane, così come la musica. Rota è sicuramente un altro compositore dal quale noi della nuova generazione dobbiamo tantissimo, anche lui era uno che abbinava la melodia alla ricerca in maniera eccellente. Questo premio mi onora e mi inorgoglisce».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie