Martedì 07 Luglio 2020 | 18:29

NEWS DALLA SEZIONE

nuove uscite
«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

 
Lutto
C’era una volta Ennio. Addio a un’icona del ‘900

C’era una volta Ennio Morricone. Addio a un’icona del ‘900

 
Musica
A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

 
sinergie musicali
«Deja que llora», Bob Sinclair pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

«Deja que llora», Bob Sinclar pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

 
L'Intervista
Di Maglie: noi artisti non siamo delle cicale. Al lavoro per il suo nuovo disco

Di Maglie: noi artisti non siamo cicale. Al lavoro per il nuovo disco

 
Musica
Una chitarra pugliese per il Gispsy jazz

Una chitarra pugliese per il gipsy jazz: esce l'album di Pietro Lazazzara

 
nuove uscite
«Non ho lavato la macchina», l'esordio solista del salentino Manu Funk

«Non ho lavato la macchina», l'esordio solista del salentino Manu Funk

 
l'annuncio
Puglia Sounds Plus: 5 nuovi avvisi pubblici per sostenere il comparto musicale

Puglia Sounds Plus: 5 nuovi avvisi pubblici per sostenere il comparto musicale

 
musica
Sbalzi d'Umore, il progetto salentino che canta le sensazioni momentanee contro la routine quotidiana

Sbalzi d'Umore, il progetto salentino che canta le sensazioni momentanee contro la routine quotidiana

 
musica
Tiziano Ferro, Cesare Cremonini  e Ultimo tornano a Bari nel 2021: riprogrammati concerti negli stadi

Tiziano Ferro, Cesare Cremonini e Ultimo tornano a Bari nel 2021: riprogrammati concerti negli stadi

 
Cultura e spettacoli
Santino Di Rella

Bari, Santino Di Rella, il clarinetto dal suono malinconico e lunare

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Tarantoambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Musica

«The Connection», jazz per riallacciare i legami dell’anima

L’album del batterista barese Aldo Bagnoni

«The Connection», jazz per riallacciare i legami dell’anima

Aldo Bagnoni è un batterista di lungo corso, formatosi in una stagione - gli Anni ‘70 - caratterizzati da un mondo giovanile onnivoro, pronto a consumare ciò che odorasse di nuovo, senza badare troppo alle distinzioni, tranne poi a metabolizzare tutto ricollocando ogni cosa al suo posto, sia pure con nuove consapevolezze. E questo suo venire da lontano certo non gli fa sfuggire che The Connection, il titolo scelto per il suo nuovo album edito da AlfaMusic, ha un precedente storico nell’omonimo, celebre testo teatrale di Jack Gelber, portato in scena nel 1959 dal Living Theatre e arricchito, un anno più tardi, dalla bella colonna sonora jazzistica scritta dal pianista Freddie Redd e immortalata da un bell’album della Blue Note.

In questo caso, però, la connessione cui fa riferimento Bagnoni è di tutt’altro genere e sebbene ormai la parola ci rinvii sempre più a un mondo fatto di tecnologia e di contatti virtuali, nelle intenzioni del Nostro vuole invece aprirsi a quel novero di rapporti umani che, a maggior ragione in un’epoca scandita dal «distanziamento sociale», vogliono recuperare il loro più profondo senso di contatto fisico e spirituale fatto di gesti, di sguardi che sono il vero e unico ponte per la più genuina trasmissione del pensiero.

Ecco allora che l’album diventa un intinerario nel quale, attraverso una predilezione per i tempi medi, il jazz appare la bussola per orientarsi nelle musiche del mondo, nel folklore del nostro Sud e si arricchisce di aromi di tango, fino a sconfinare brevemente nei territori dell’atonalità.

Per questo suo viaggio, Bagnoni, che pur barese ha scelto di risiedere e agire fra la Murgia e il Materano, ha impegnato tre eccellenze del panorama salentino come il pianista Mauro Tre, il sassofonista Emanuele Coluccia e il contrabbassista Giampaolo Laurentaci. Dieci in tutto i brani, nove dei quali a firma di Bagnoni e uno, Lipompo’s Just Arrived basato sulla rilettura di un tema popolare lucano.
Apre e chiude la scaletta Clarabella, un pezzo dedicato al personaggio di Walt Disney e caratterizzato da profumi di milonga, pur senza qualche fuggitivo lampo balcanico che ne permea la melodia. Nell’epilogo, poi, la ripresa è considerevolmente diversa e impiega il leader persino un una sorta di «recitarcantando».

Cappello eolico è memore di molto jazz degli Anni ‘80, dai Lingomania agli Steps Ahead, mentre This Is My Place è una ballata contemporanea ben scolpita dal plastico tenore di Coluccia. Di Eternal Returns si apprezza il tema obliquo e danzante; The Dolmen and the Sea introduce in una pacata atmosfera latin che non manca di rinvigorirsi in un bel crescendo espressivo; ancora nel campo delle ballad ci si muove con Heart on a Mountain, mentre Oral Culture, dopo un avvio molto libero, converge su un terreno più jazzistico nel quale il gioco fra il tema e la batteria sembra quasi ispirato al celebre Freedom Jazz Dance. Infine What Was I Looking For si apprezza per il suo canto dolente che si libra su un tempo ternario.

Album di buona fattura, The Connection dimostra quanta musica di qualità sia ancora possibile fare - e ascoltare - mettendosi in pace con se stessi e seguendo la propria stella polare senza furbizie, ma con grande onestà intellettuale. Tratto distintivo, quest’ultimo, di tutta l’attività di Bagnoni che ha sempre preferito restare ai margini di certa scena concertistica, pur di non scendere a compromessi.

Sin qui l’uomo e il suo intelletto; riguardo al musicista, accanto a un linguaggio strumentale completo e maturo, se ne apprezza la felice vena compositiva. E di questi tempi, non è assolutamente poco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie