Domenica 24 Gennaio 2021 | 14:04

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
LecceEconomia
Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

La strage familiare nel Ferrarese. Servono lezioni di educazione civica

È proprio vero: a volte non c’è limite all’orrore! In questi giorni la cronaca giornalistica e televisiva lo sta dimostrando. A Pontelangorino (Ferrara) un 17enne e un 16enne, amici, studenti forse con poca voglia di studiare, hanno massacrato con un’ascia i genitori del 17enne. E subito, nei “salotti” televisivi e sulla carta stampata, si disquisisce, a vuoto, sui “perché” e sui “come mai”, scivolando sulla assoluta mancanza di valori nell’odierna società. In altro luogo, una giovane madre è stata arrestata per aver avvelenato – per fortuna, non mortalmente – ripetutamente, con psicofarmaci nel biberon, le due figliolette di uno e tre anni, nascondendo la verità ai medici che le hanno ricevute per le cure del caso. Contro di lei pesano, come macigni, alcune intercettazioni raccolte dai Carabinieri tra lei e il marito, papà delle piccole, e tra lei e suo padre, nonno delle stesse. Ora c’è lavoro per gli avvocati che sicuramente chiederanno la perizia psichiatrica, allo scopo di dimostrare che si è di fronte a qualche disturbo mentale, il cui riconoscimento porterebbe ad una mite condanna. Esiste, infatti, un disturbo mentale, denominato “Sindrome di Münchausen”, secondo il quale, a volte, il soggetto che ne sia affetto, usa un proprio figlio come “surrogato”, nel senso che, invece di riferire a se stesso i sintomi, li attribuisce al bambino, al quale intenzionalmente procura lesioni a volte anche gravi. A quale scopo? Per attirare l’attenzione di chi? Del marito, nel nostro caso? Per ottenere qualche vantaggio? Anche il suo avvocato, probabilmente, chiederà, a ragione, la perizia psichiatrica. Altro fatto, a dir poco inquietante: un 29enne di Capo Verde, Jorge Edson Tavares, è accusato di avere sfregiato con l’acido il bel volto di una riminese di 28 anni, l’ex fidanzata ed ex miss Romagna. Saprà dimostrare l’assoluta sua estraneità a detto grave reato?
Questi tre gravi fatti sono accaduti nel nostro problematico Paese, mentre i politici, delle varie parti, sono impegnati, direi a tempo pieno, a discutere sulla legge elettorale da approvare – ovviamente, ognuno propone quella più conveniente al suo partito o movimento – o ad effettuare ribaltoni in sede europea con il conseguente, non nuovo in verità, cambio di casacca. Occorrerebbe, invece, un’opera d’informazione ed educazione sanitaria e civica, nonché di responsabilizzazione nel proprio ruolo genitoriale nei confronti dei figli da crescere, difendere ed educare. A meno che non ci si rassegni al vivere nel degrado o, meglio, nel caos sociale. Alcuni si sono – ahimé – già rassegnati. C’è, però, chi non vuole ancora rassegnarsi e si ribella.

Salvatore Sisinni, Squinzano (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie