Domenica 19 Maggio 2019 | 21:10

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn mattinata
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

I respingimenti modello Capalbio

Il prefetto di Grosseto, Cinzia Teresa Torraco, ha deciso che a Capalbio non arriverà nessun profugo. Ma come? Che «pericolo» possono mai essere 50 disperati africani, che avrebbero dovuto occupare un condominio vuoto già pronto? È vero, già da tempo, i benestanti e benpensanti di sinistra si lamentavano della eventualità di mischiarsi con questa gente venuta d’oltremare. Personalmente, ho sempre ritenuto una vergogna la politica dei respingimenti in mare voluta da un passato governo Berlusconi, con la super sponsorizzazione del Carroccio. La “rivolta di classe” dei ricchi di Capalbio è da biasimare, al pari delle piattaforme popolazionistiche del centrodestra. Meno male che a sposare la causa di questa povera gente c’è l’imprenditore Chicco Testa, capalbiese di ferro, già presidente dell’Enel e fondatore di Legambiente. Lui sulle questioni ambientali è un po' confuso (da ambientalista convinto divenne favorevole all’installazione, in Italia, di centrali nucleari); ma sulla questione migranti ha le idee chiare. Con profonda stima.

Marcello Buttazzo, Lequile (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400