Martedì 22 Gennaio 2019 | 01:31

LETTERE ALLA GAZZETTA

Tolleranza zero contro i pirati delle strade

Credo, che sia arrivato il momento della tolleranza zero: a chi guida in stato di alterazione psicofisica, in stato di ebrezza, dovrebbe essere contestato l’omicidio volontario e non quello colposo.
Occorre porre un freno alla carneficina, che si registra soprattutto nei weekend, causata dall’abuso di alcool. E l’accusa di omicidio volontario sarebbe un forte deterrente.
Secondo me andrebbe vietata la vendita di alcolici dall’una di notte in tutti i locali pubblici comprese le discoteche, oltre al divieto di vendere bottiglie di alcolici da mezzanotte alle 6 del mattino. E poi: dovremmo adeguarci al sistema americano, dove per incidenti del genere si fanno più di 15 anni di galera. Infine, ci vorrebbe una legge che limiti la cilindrata delle auto ai giovanissimi privi di esperienza e che diventi finalmente nazionale.

Nico Pesce, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400