Giovedì 24 Gennaio 2019 | 06:02

LETTERE ALLA GAZZETTA

L’esodo dei ricercatori dall’Italia

Ricercatori italiani in fuga! Ma non è un incitamento ad abbandonare un luogo pericoloso, è la drammatica realtà dei cervelli. Quasi la metà dei ricercatori italiani cerca fortuna all’estero. Il disinvestimento sulla ricerca è nel nostro Paese endemico e produce danni irreparabili.
Eppure abbiamo talenti di primo livello, che potrebbero contribuire a risolvere problemi in ogni campo del sapere. Il governo finanzia per la ricerca poco più dell’1 per cento del Prodotto interno lordo.
Anche molti privati, che potrebbero investire sui cervelli, preferiscono scaricare tutta la responsabilità sull’esecutivo.
Quando poi abbiamo serie complicazioni, per esempio nel delicato campo della salute fisica e mentale, tutti vorremmo la ricetta risolutiva a portata di mano. Ma cosa stiamo facendo noi per meritare quel rimedio?

Fabio Sìcari, Bergamo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400