Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:41

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Le truffe continue ad opera dei maghi

Se milioni di persone si rivolgono ai maghi, compresi migliaia di minorenni, sicuramente un motivo c’è. Il mago, nella percezione popolar-credulona, possiede la chiave prodigiosa che apre la porta giusta, smussando gli assilli quotidiani. Chi esercita il sortilegio, la divinazione, chi fa incantesimi, chi interroga i morti, propone materia che ammalia, perché supera (illude di superare) la soglia perfettibile della scienza.
Probabilmente la strada giusta da seguire sarebbe un’altra. Rivolgersi ai nostri cari, agli amici più fidati o anche interpellare un sacerdote. Per superare le tribolazione quotidiane e momenti difficilissimi, al volto ignoto dei maghi sarebbe preferibile il volto familiare della concretezza.
I maghi guadagnano fior di quattrini, spesso non versando i contributi, con questo tipo di arte fatata. Ma si tratta davvero di arte o, più concretamente, si tratta di truffa? E chi vende illusioni può considerarsi un truffatore? La giurisprudenza non risolve il problema, rimettendo ai singoli giudici, in caso di denuncia, l’interpretazione più opportuna.

Fabio Sìcari, Bergamo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400