Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 07:07

LETTERE ALLA GAZZETTA

Ma si scrive «rumeni» o «romeni»?

Lungi da me comportarmi da saccente e da signor «io so tutto..» (mi sono sempre stati in po' antipatici), non riesco a capire una cosa; a volte (spesso) sui quotidiani in generale (ma anche sulla «nostra» Gazzetta del Mezzogiorno -vedi in data 24/08/16) quando si riferisce di fatti o eventi riguardanti i cittadini della Romania, vengono - a volte - appellati come rumeni. Ora, una volta per tutte mi fate chiarezza? Chi sbaglia? Qualche giornalista (e allora bisognerebbe loro fare una... tiratina d'orecchi...) o il sottoscritto che continua a chiamare gli abitanti della Romania romeni? Altrimenti si chiamerebbe Rumania, non credete?

Raffaele Calabrese, Bari

---------------------------------------------------------

Gentile signor Calabrese, la questione non è così semplice come appare. Le cito solo una piccola parte dell’ampio saggio che l’Accademia della Crusca dedica alla questione. «Diciamo subito - affermano i custodi della lingua italiana - che la lessicografia italiana più recente propone entrambe le forme come varianti del tutto equivalenti: così il Vocabolario Treccani, il Lessico Universale Italiano (vol. XIX, 1978), il Devoto-Oli (dall'edizione 1971 a quella 2012), il DISC 1997, poi Sabatini-Coletti fino al 2008 scrivono romèno o rumèno; solo Gradit 2007 ha la trattazione del lemma sotto rumeno, di cui romeno è comunque variante».
«Evidentemente nessuna delle due possibilità sembra essersi stabilizzata come dominante».
«Anche nella lingua di Romania sono esistite due varianti dell'etnonimo: român e il più antico rumân derivati dal latino Romānu(m) “romano”,, che si riferivano alla popolazione latina stanziata in Dacia a partire dalla conquista della regione da parte di Traiano (II sec. d.C), o, per meglio dire, alla commistione tra i coloni collocati dall'impero nell'area, il preesistente elemento dacio e quello slavo che vi si sovrappose successivamente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400