Venerdì 18 Gennaio 2019 | 20:38

LETTERE ALLA GAZZETTA

Una nazione in cui viaggiano tutti

La Buona Scuola di Atene. E di che si lamentano questi incontentabili insegnanti? Dov’è la novità se qualcuno da Canicattì dovrà trasferirsi in un paesello sulle Dolomiti? Con gli attuali mezzi di comunicazione basterà un giorno di viaggio. Pensino ad Aristotele e a tutti gli altri peripatetici ai quali toccava di viaggiare, a piedi, anche nelle ore di lezione, al sole della Scuola di Atene, trovando appena un pò di refrigerio all’ombra delle colonne del Peripato. Tutti viaggiamo, anche il governo, che dovrà fare le valigie per andare a quel paese dove ce lo mandano i nostri sedentari insegnanti.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400