Domenica 23 Febbraio 2020 | 00:36

Il Biancorosso

Calcio
Bari, mister Vivarini srpona i suoi prima della trasferta contro la Cavese: «Siamo nel momento clou del torneo»

Bari, mister Vivarini sprona i suoi: «Siamo nel momento clou del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiasos sicurezza
Foggia, nelle campagne torna il Far West

Foggia, nelle campagne torna il Far West

 
Barila decisione
Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

 
BatTragedia sfiorata
Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

 
BrindisiIl caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
PotenzaI controlli
Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

 
Tarantol'illustrazione
Diodato nella sua Taranto: l'omaggio di un artista è virale

Diodato nella sua Taranto: lunedì attestato benemerenza dal Comune

 
LecceNel Salento
Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

 
Materanel Materano
Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

La moda di salire sempre sul carro dei vincitori

Tempo fa, a Taranto, l’arcivescovo ha richiamato un parroco per aver accolto la richiesta di celebrare una messa in suffragio di Mussolini e Giovanni Gentile di alcuni nostalgici missini, fino a costringerlo ad annullarla. E tanto mentre si celebra nella Chiesa cattolica il giubileo della misericordia, indetto da papa Francesco. Viene spontanea - come si suol dire - la domanda: la misericordia divina fa differenza tra destra e sinistra nel senso che la concede agli uomini di sinistra e la nega a quelli di destra? Se così fosse sarebbe davvero sconcertante. E, poi, la famosa locuzione virgiliana non recita: parce sepulto, nel senso che ai morti bisogna perdonare i peccati, ammesso che ne abbiano compiuti? A scanso di equivoci voglio precisare che non ho simpatie per la destra o per il fascismo che non ho conosciuto, ma se fossi nato prima e fossi stato iscritto a quel partito, certamente non avrei rinnegato il mio passato, a differenza di tanti intellettuali che, fascisti con tessera prima del famoso 25 luglio del 1943, diventarono immediatamente antifascisti il giorno dopo alla caduta e all’arresto di Mussolini. Salendo spavaldamente , come si suol dire, sul carro dei vincitori.

Salvatore Sisinni, Squinzano (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie