Martedì 19 Febbraio 2019 | 20:39

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Privilegi abnormi in televisione

Suscitano accese polemiche i compensi di alcuni dirigenti della Rai. Il presidente della televisione pubblica, Monica Maggioni, e l’amministratore delegato, Antonio Campo dall’Orto, difendono coi denti i loro «modesti» guadagni, rispettivamente di 370mila e di 650 mila euro l’anno.
Alcuni direttori di telegiornale percepiscono 300mila euro l’anno. E, addirittura, alcuni giornalisti inutilizzati oltre 200mila euro l’anno. I politici, categoria avvezza anch’essa a remunerazioni d’un certo riguardo, da Renzi a Gasparri, vorrebbero che non si superasse il tetto dei 240mila euro.
In un Paese travagliato e allo stremo, l’Italia, con pensioni minime alla fame, dove i potenti che viaggiano in prima classe sono sempre più potenti a detrimento dei più indigenti, con il reddito di cittadinanza o di dignità che appare ancora un miraggio, con un canone televisivo impopolare, fuori d’ogni retorica, possiamo serenamente affermare che a noi comuni cittadini appaiono abnormi, esagerati sia gli introiti dei politici che quelli dei dirigenti Rai, anche se non superassero il tetto di 240 mila euro l’anno. Con profonda stima.

Marcello Buttazzo, Lequile (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400