Mercoledì 03 Marzo 2021 | 06:57

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa nuova sede
Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

 
LecceUn 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Bat
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Covid news h 24Il virus
Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
BrindisiIl caso
Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

 
FoggiaIl caso
Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

L’utopia di uno Stato trasparente

Molti di noi vorrebbero vivere in uno Stato che sia il primo a rispettare le regole che si è dato, che sia cioè esemplare. Uno Stato efficiente, trasparente, che non ruba e che non imbroglia, rassicurerebbe quei tanti cittadini che confidano nel vivere civile. Tuttavia l'utopia si sgretola quando ci troviamo di fronte a istituzioni che negano diritti fondamentali, restano indifferenti alle aberrazioni o, peggio ancora, vi partecipano come mandanti o complici. In questo caso, però, avviene anche un fatto bizzarro: la moltitudine «civile» di cui sopra si riduce. E rimangono in pochi a pensare che un carcerato abbia gli stessi diritti di chiunque, un immigrato abbia il diritto di non annegare o un malato terminale voglia finire i suoi giorni sofferenti. E quindi uno Stato «tecnicamente criminale», persino in «flagranza di reato» - espressioni usate da Marco Pannella con ossessione sfiancante ma necessaria - che una Corte sovranazionale addirittura condanna per tortura e violazione dei diritti umani, paradossalmente riconquista a sé le truppe di cittadini «disturbati» che pochissimi, con la loro richiesta di diritti, possano causare il ritardo del proprio bus o del caffè al bar sotto casa.

Paolo Izzo, Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie