Venerdì 18 Gennaio 2019 | 06:33

LETTERE ALLA GAZZETTA

Un campione unico che ci mancherà

Ciao Cassius Clay ci mancherà comunque la tua forza ed anche la tua ironia. Ti ricordiamo come ultimo tedoforo alle Olimpiadi nordamericane del 1996.Riuscisti, pur tremante per il Parkinson, ad accendere la fiamma olimpica. Rimaneva la tua forza interiore nonostante tutto. Quella forza che ti aveva fatto rinunziare al titolo mondiale dei massimi pur di affermare il suo rifiuto per la guerra, quella Vietnam. Quel titolo mondiale che si riprese comunque sul ring. Il pugilato non mi è mai personalmente piaciuto ma ho apprezzato grandemente la coerenza personale di Moahmed Alì (come preferiva farsi chiamare). Ho la pellicola "Alì" sulla sua storia, sulla sua vita. Ma anche "Lassù qualcuno mi ama" con Paul Newman ed Anna Maria Pierangeli sulla vita del pugile italo/americano Rocky Graziano. Anche in questo caso l'umanità valse più della forza dei pugni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400