Lunedì 21 Gennaio 2019 | 17:00

LETTERE ALLA GAZZETTA

Bari, a Perugia servivano più coraggio e orgoglio

Bari, ma a Perugia doveva finire proprio così?
Altro che partita da tre punti imperdibili, da portare assolutamente a casa come Camplone aveva più volte affermato in settimana. Per poco non ce ne tornavamo da Perugia senza nemmeno quel punto imperdibile. Non so come sarebbe finita se l’umbro Ardemagni non si fosse ardemagnato almeno un paio di gol.
Se Cacìa nell’Ascoli (sabato altri due gol) è grasso che cola da noi Maniero è grasso che non cala, che lui non si decide a perdere. Sindaco De Caro se il Bari ti è caro, se sei per Forza Bari e non per Forza Tari (supertassa da rifiutare) urge chiusura a tempo indeterminato delle rosticcerie. Quanto a lei Mister, non dico di tenerlo a pane e acqua, solo di tenerlo d’occhio. Non dia retta, nel calcio non è vero che l’occhio del padrone ingrassa il cavallo. Spronalo a correre di più.
Se oggi per vedere un gol dobbiamo aspettare quel che passa per la testa e nei piedi di Rosina; se le recenti manifestazioni di forza di Sansone sono solo alcuni deboli tiri in porta; se quelli della difesa in bianco e nero tra un Gemiti e l’altro vivono di retropassaggi e non di spinte in avanti con cross dal fondo; se sui calci d’angolo quando c’è da respingere i difensori perdono la testa ed anche i colpi di testa allora bisogna intervenire subito.
Ecco, pregare Mr. Moordin Amhad di mandarci dalla Malesia uno stregone non con un bonifico, con tutto l’armamentario che serva con un esorcismo a liberare il Bari dalle venefiche fatture confezionate da un gruppo di diaboliche streghe di Trapani, Pescara, Cesena e La Spezia. Non vedo altri “miracolosi” rimedi dopo la mezza delusione di sabato.
Se ti Defendi solo negli ultimi cinque minuti, se dici a Tutino di togliersi la tuta e di andare in campo anche lui negli ultimi minuti allora nessuno può negare a Camplone il Premio Don Abbondio per il coraggio e la tempestività mostrati nelle sostituzioni. Caro Presidente, come puoi pretendere la vittoria del Bari se vedi partire per Perugia i tifosi in Mille e non ordini alle tue Camicie Biancorosse in versione Blu di giocare alla garibaldina? Don Peppino partì dallo scoglio di Quarto, tu Don Gianluca perché non hai imposto ai tuoi di difendere lo scoglio del Terzo posto?
Benedetto Iddio, se vanno in campo due squadre con Presidenti l’una Santopadre e l’altra Paparesta è fatale oltre allo zero a zero che il bel gioco vada poi a farsi benedire. Sabato quello del Bari, ammettiamolo, più che a farsi benedire era da mandare per direttissima all’Inferno. Dopo aver mandato non due Baci perugina due bei Bacioni in fronte a San Micai Portiere.


Venanzio Traversa, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400