Domenica 17 Febbraio 2019 | 13:29

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
FoggiaNella notte
Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Ma Balilla non c’entra col fascismo

La dirigente scolastica Anna Lea Mazzei, con una inaudita iniziativa e proprio alla fine dell’anno scolastico, decide improvvisamente di sostituire il nome «Balilla» alla sua scuola con quella di Umberto Eco, morto da pochi mesi, il cui ricordo è ancora vivo.
Dimentica la Mazzei, e non so per quale motivo, che «Balilla» non è un nome fascista è il soprannome di un bambino che «con il lancio di una pietra nel 1746 diede inizio alla rivolta di Genova contro gli austro-piemontesi».
Il gesto di questo ragazzo alla nostra epoca ci fu spiegato e valorizzato, tanto divenne l’inno dei fanciulli e che così iniziava. «Fischia il sasso, il nome squilla del ragazzo di Portoria e l’ntrepido Balilla sta gigante nella storia...» e terminava»: «Fiero l’occhio, svelto il passo, chiaro il grido del valore: ai nemici in fronte il sasso, agli amici tutto il cor!»
Non si può cancellare di questo ragazzo il cui gesto è sempre vivo nelle nostre menti e nella nostra storia.

Vincenzo Quattromini, Altamura (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400