Giovedì 23 Maggio 2019 | 11:44

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 
BatLa bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Ma Balilla non c’entra col fascismo

La dirigente scolastica Anna Lea Mazzei, con una inaudita iniziativa e proprio alla fine dell’anno scolastico, decide improvvisamente di sostituire il nome «Balilla» alla sua scuola con quella di Umberto Eco, morto da pochi mesi, il cui ricordo è ancora vivo.
Dimentica la Mazzei, e non so per quale motivo, che «Balilla» non è un nome fascista è il soprannome di un bambino che «con il lancio di una pietra nel 1746 diede inizio alla rivolta di Genova contro gli austro-piemontesi».
Il gesto di questo ragazzo alla nostra epoca ci fu spiegato e valorizzato, tanto divenne l’inno dei fanciulli e che così iniziava. «Fischia il sasso, il nome squilla del ragazzo di Portoria e l’ntrepido Balilla sta gigante nella storia...» e terminava»: «Fiero l’occhio, svelto il passo, chiaro il grido del valore: ai nemici in fronte il sasso, agli amici tutto il cor!»
Non si può cancellare di questo ragazzo il cui gesto è sempre vivo nelle nostre menti e nella nostra storia.

Vincenzo Quattromini, Altamura (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400