Sabato 18 Gennaio 2020 | 23:29

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPer Sant'Antonio Abate
Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

 
BatIl caso
Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

 
LecceMoria di tartarughe
Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

 
TarantoI controlli
Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

 
FoggiaLe ricerche
San Severo, a caccia della pantea co i droni

San Severo, caccia alla pantera con i droni

 
MateraL'annuncio
Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Intitolare il ponte Nord-Sud a Bona Sforza

Da ulteriori notizie comunicate dalla Gazzetta del Mezzogiorno, ho appreso dello stato di avanzamento dei lavori del ponte Nord-Sud di Bari. In un precedente articolo dello stesso quotidiano si faceva riferimento all’opportunità di indire un concorso d’idee per la sua intitolazione. A tal proposito mi permetto di proporre che la struttura venga dedicata a Bona Sforza, Regina di Bari e di Polonia, il cui sepolcro, come è noto, è collocato nell’abside della Basilica di San Nicola. Questa mia scelta è determinata da una serie di considerazioni: innanzitutto non esistono in Bari opere di rilievo che siano dedicate a una donna, e sarebbe tempo che ciò accadesse; inoltre, sarebbe un ideale raccordo tra la storia della città e il futuro, anche perché con l’arrivo a Bari della Bona Sforza giunsero numerosi nobili e cortigiani che si insediarono in alcune cittadine del territorio: quasi presagio di una futura città metropolitana. A questo si aggiunga il riconoscimento alla Regina di ciò che il suo ritorno a Bari comportò dal punto di vista sociale, artistico, culturale. E non sarebbe d’impatto in ambito nazionale e internazionale(penso anche della Polonia), avere una opera così intitolata a riconoscimento per le sue valenze urbanistiche, ingegneristiche e strutturali?

Anna Maria Di Terlizzi, Scultrice, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie