Lunedì 21 Gennaio 2019 | 23:02

LETTERE ALLA GAZZETTA

Le battaglie di Scipione il Fiorentino

Scipione il Fiorentino. Dopo la battaglia di Zama e la campagna di Spagna, l’incorruttibile Scipione l’Africano cominciava ad essere troppo ingombrante per la Repubblica, e così il saggio Catone il Censore scaricò sull’Africano le magagne del fratello Asiatico, non per astio verso l’Africano ma perché gli stavano a cuore le sorti della Repubblica.
Venendo ai giorni nostri, Scipione il Fiorentino non è che abbia vinto battaglie o conquistato terre, ma il suo disprezzo per gli avversari non è che faccia ben sperare per la democrazia, ed allora ben vengano gli impicci del suo gineceo e, anche se lui non dovesse avere responsabilità, facciamoneglie carico.
Resterà primus, ma almeno inter pares, purchè però la democrazia sopravviva.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400