Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 19:09

LETTERE ALLA GAZZETTA

Per fortuna c’è un leader che sa tutto...

Il terrorismo è una piaga perniciosa e infestante, che sta seminando disperazione e lutti dappertutto. In Europa, dopo i cruenti e vili attentati in Francia e in Belgio, i governanti nostrani tentano di fare il punto della situazione: sostanzialmente, da Renzi ad Alfano, si sostiene che, qui da noi, il sistema regga bene. Personalmente, ho più fiducia nelle parole di Emma Bonino, politico di straordinaria esperienza, che ha fatto un’analisi più attendibile: “Anche l’Italia rischia. Ci serve una Fbi europea”. Non dimentichiamo che, nel 2001, perfino la eccellente sicurezza americana fu beffata. La leader radicale fa notare che “l’intelligence è questione di politica estera, di sicurezza e di difesa comune: se non c’è, non c’è intelligence comune”. L’emergenza è davvero palpabile, soprattutto nelle grandi città del nostro Paese. Ma dalla politica attiva arrivano anche notizie rassicuranti. Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, sta facendo un giro per il mondo. Sarà in Israele “a studiare sicurezza”. Gli servirà tutto questo “studio”? Possiamo stare tranquilli? Chissà, forse le nuove acquisizioni e conoscenze del leader del Carroccio potranno essere importate anche in Italia. Salvini, si sa, con le sue idee malleabili sa risolvere tutti i problemi.

Marcello Buttazzo, Lequile (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400