Domenica 17 Novembre 2019 | 23:08

NEWS DALLA SEZIONE

il ritrovamento
Porto Cesareo, il maltempo scoperchia antica tomba

Porto Cesareo, il maltempo scoperchia antica tomba

 
nel Barese
Adelfia, solidarietà dopo il maltempo: i cittadini «salvano» le luminarie

Adelfia, solidarietà dopo il maltempo: i cittadini «salvano» le luminarie

 
Omicidio
Faida garganico, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

Mafia garganica, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

Sparatoria

Agguato in pieno centro a Bitritto, killer sparano tre le auto: due feriti

Sparatoria in pieno centro a Bitritto. Due persone - una delle quali colpita per caso - sono rimaste ferite in un agguato avvenuto poco dopo le 20 in via Aporti, a pochi passi dalla centralissima piazza Aldo Moro, nei pressi di un circolo ricreativo. Nel mirino dei sicari, quasi certamente un uomo ritenuto vicino ai Di Cosola, Attilio Gargaro, 36 anni.

Non del tutto chiara la dinamica dell'agguato nel corso del quale sono stati esplosi diversi colpi di pistola per strada da parte di uno o più killer giunti forse a bordo di una moto: i proiettili avrebbero raggiunto auto in sosta (almeno tre), mandando in frantumi alcuni finestrini. Non è da escludere che il reale bersaglio del killer, Attilio Gargaro, sia stato inseguito e colpito. Sul cofano di una Fiat Panda sono state rinvenute vistose tracce di sangue.

La ricostruzione della sparatoria è in stila Far west. I sicari hanno aperto il fuoco mettendo a repentaglio l'incolumità di ignari passanti e di gente che affollava la zona, a pochi passi dalla piazza principale. Uno dei proiettili, come già detto, avrebbe investito anche un'altra persona, Luigi Leccese, che era nei pressi del circolo e, a quanto pare, estranea. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e ambulanze del 118. La zona è stata transennata per consentire i rilievo degli investigatori della Scientifica dell'Arma nel tentativo di ricostruire le fasi dell'agguato.

Dei due feriti, il più grave, Gargaro, che avrebbe raggiunto da solo il pronto soccorso del Di Venere perchè raggiunto da diversi colpi (anche all'addome), è finito in sala operatoria; l'altro uomo invece, Luigi Leccese, è stato trasportato al pronto soccorso del Policlinico per una ferita alla regione lombare.

Gargaro è ritenuto una persona di spicco della mala di Bitritto: alcuni anni fa, nel 2014, fu arrestato perchè accusato di estorsione nei confronti di un imprenditore sottoposto a un vero e proprio pestaggio sotto gli occhi della moglie all'esterno di un cantiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie