Sabato 18 Settembre 2021 | 19:58

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Le foto che fanno discutere

Via i fan dopo il concerto, rimane una distesa di rifiuti: lo scempio a San Foca

Il caso nato da uno sfogo su Facebook di Elisa, informatore ecologico, al termine dell'esibizione dei Boom Da Bash

SAN FOCA (LE) - «Diciotto chili di vetro solo sotto il palco. Plastica in quantità smisurate. Il concerto è stato bellissimo, ma l'orgoglio l'ho perso a fine serata». A sfogarsi sul suo profilo Facebook è Elisa Gatto, informatore ecologico, che qualche sera fa era a San Foca, sulla costa adriatica, poco distante da Melendugno (Le), in occasione del concerto dei Boom Da Bash (è loro uno dei tormentoni estivi di quest'anno, "Non ti dico no", in coppia con Loredana Berté) per la Notte di Mare 2018.

Quello che è rimasto alla fine del concerto è mostrato nelle foto che Elisa ha condiviso sulla sua bacheca. Centinaia di bottiglie di plastica buttate per terra, vetri, cartacce, addirittura gusci di cozze, senza alcun rispetto per l'ambiente e per chi, dopo il divertimento, è rimasto lì fino alla mattina dopo a ripulire tutto. Elisa non le manda a dire: «Vi ho sentiti urlare indignati quando è stato gridato che la TAP deturpa il nostro territorio. Quando è volata l'accusa a quanti sfruttano il nostro territorio e non ne conoscono la storia, il valore. Avete gridato con orgoglio che siamo salentini, un popolo meraviglioso. E io con voi. [...] Ho perso l'orgoglio ma la voglia di cambiare le cose ancora no. Ci credo ancora di più. Soprattutto quando ho visto un ragazzo piegarsi e, senza guanti, raccogliere rifiuti e differenziarli con noi. C'è speranza, forse. Spero».

(foto Elisa Gatto - Facebook)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie