Domenica 20 Gennaio 2019 | 16:45

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti in visita ad Herat «scarta» un grande trullo in pietra

“La prima volta che ho parlato ad un contingente schierato è stato proprio qui, ad Herat, dieci anni fa, quando ero presidente della Commissione Difesa. Come allora voglio sottolineare l’importanza del fatto che voi siete qui in nome di un Paese che ve lo chiede ed è il vostro modo di servire la Patria. Voi, lontani dai vostri affetti, rendete le vostre famiglie orgogliose per quello che fate per la sicurezza e la stabilità di questa Regione e per assicurare un futuro migliore a questo popolo.”

Così il Ministro della Difesa Roberta Pinotti parlando al contingente italiano schierato in Afghanistan durante i due giorni della sua visita nel Paese asiatico.
Il ministro della Difesa ha voluto, poi, ricordare il tributo pagato dalle Forze armate italiane in Afghanistan precisando che sebbene oggi la missione sia cambiata è necessario non abbassare mai la guardia.

Il contingente italiano di stanza ad Herat, su base Brigata meccanizzata Pinerolo, la grande unità dell'Esercito made in Puglia, guida il Train advise assit command West (TaacW) nell'ambito dell’operazione Nato “Resolute Support” impegnata nell'addestramento, assistenza e consulenza a favore delle Istituzioni e delle Forze di sicurezza afgane.

Nel corso della visita, il Ministro della Difesa, accompagnato dall'ambasciatore italiano Roberto Cantone, ha ricevuto un aggiornamento della situazione nell'area di responsabilità del contingente. Il generale Mirra, comandante del TaacW, ha illustrato i progressi effettuati dalla Missione in termini di addestramento, consulenza e assistenza a favore delle Forze di sicurezza e difesa afgane (Afghan national defence and security forces - Andsf).
Nel corso di questi due giorni in Afghanistan la Senatrice Pinotti ha anche incontrato, presso la storica cittadella di Herat, il governatore della città Rahimi Mohammad Asif con cui si è confrontata sulla situazione della sicurezza nell'area. Il governatore ha riconosciuto il grande lavoro fatto negli anni dal Contingente italiano e che ha contribuito alla maggiore sicurezza della Regione occidentale nella quale la situazione risulta essere migliore rispetto ad altre aree del Paese, impegno che prosegue con il sostegno alle Forze di sicurezza afghane grazie al contributo dell’Italia nello sviluppo delle infrastrutture regionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400