Domenica 20 Gennaio 2019 | 22:17

Afghanistan, un mercatino di artigianato locale a Camp Arena

Un paio di settimane fa nella base di Camp Arena, sede del contingente italiano in Afghanistan, è stata inaugurata una mostra di prodotti confezionati a mano da donne e uomini detenuti del Carcere di Herat, dal titolo “Herat Jail Handcraft exhibition”. All’evento erano presenti il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, Comandante del Train Advise Assist Command West (TAAC W), la direttrice dell’ala femminile del carcere, Col. Sima Pazhman, e un addetto dell’Ufficio Industriale che collabora per la gestione dei manufatti prodotti dagli ospiti del carcere.

L’esposizione, sostenuta dalla cellula di Cooperazione Civile Militare Italiana (CIMIC), ha permesso ai militari del TAAC W di poter acquistare i diversi oggetti, tra cui abiti, scarpe, vari monili realizzati in differenti materiali, tappeti e accessori in lana. Il ricavato dalla vendita verrà utilizzato per migliorare le condizioni dei detenuti e delle loro famiglie.

L’iniziativa è servita a travalicare il semplice significato economico, pur di grande importanza per gli ospiti del carcere, per contribuire nel suo piccolo a ridare fiducia ad una parte della popolazione afgana molto povera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400