Sabato 20 Ottobre 2018 | 21:22

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

operazione carabinieri cites

Statue in avorio
pronte per le televendite
sequestrate nel Barese

Una indagine a largo raggio dal web agli import-export locali in tutta la Regione ha portato i Carabinieri del Nucleo Cites di Bari a trovare e sequestrare oltre 200 piccole statue che rappresentano soggetti cinesi e giapponesi, quadri e zanne intagliate tutte in avorio presso due ditte che a Triggiano e Casamassima si occupano di televendite di antiquariato a livello nazionale. Gli esemplari manufatti (si parla di esemplari quando il materiale proviene da esseri viventi, in questo caso elefanti) erano sprovvisti della idonea certificazione che ne garantisse una origine antica precedente il 1947.

Gli oggetti, pronti per essere venduti, hanno un valore commerciale di circa 250mila euro e pesano complessivamente 150 chilogrammi, in pratica per realizzarli sono stati uccisi diversi elefanti adulti, pratica indispensabile per poter tagliare le zanne, ognuna delle quali pesa in media 40 chili.
In questo caso i Carabinieri del Cites di Bari sono riusciti a sequestrare tutti i manufatti rinvenuti e deferito all’autorità giudiziaria i detentori, resta il crimine degli elefanti uccisi e che non torneranno più in vita ad attraversare liberi la savana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400