Lunedì 30 Marzo 2020 | 22:20

NEWS DALLA SEZIONE

SANGUE CERRCASI
Avviso ai naviganti nel «mare nuovo coronavirus»

Avviso ai naviganti nel «mare nuovo coronavirus»

 
COLPLAST VIENE IN AIUTO
La difficile vita degli stomizzati in tempo di Coronavirus

La difficile vita degli stomizzati in tempo di Coronavirus

 
Nulla sarà più come prima
Coronavirus

L'Italia e il Coronavirus, un'indagine: come potrà cambiare il nostro Paese?

 
Coronavirus
Suggerimenti Emilia-Romagna per pazienti in trattamento con farmaci biologici e immunosoppressori

Suggerimenti Emilia-Romagna per pazienti in trattamento con farmaci biologici e immunosoppressori

 
Il 70% delle donne le riuserebbe
Coppette mestruali, la rivista scientifica Lancet e nuovi studi le promuovono

Coppette mestruali, la rivista scientifica Lancet e nuovi studi le promuovono

 
NEL MONDO 650 MILIONI GLI OBESI
4 marzo giornata mondiale dell'obesità

4 marzo giornata mondiale dell'obesità

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

SONDAGGIO EUROPEO

Spondilite anchilosante: ritardi nella diagnosi e terapia

Lanciata una campagna di sensibilizzazione

Spondilite anchilosante (SA): ne soffrono più di 40.000 persone in Italia

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Infiammazione della colonna vertebrale

Spondilite anchilosante (SA): ne soffrono più di 40.000 persone in Italia. E’ una patologia dolorosa e spesso progressivamente invalidante, causata da un’infiammazione della colonna vertebrale che può determinare danni irreversibili. La patologia colpisce maggiormente i soggetti giovani over 25 anni, di sesso maschile.

Fino al 70% dei pazienti che soffrono della forma severa di SA sviluppa, nel corso di qualche anno, fusione dei corpi vertebrali con significativa riduzione della mobilità della colonna. Depressione, ansia e isolamento ne sono conseguenze, spesso inevitabili. Un percorso diagnostico-terapeutico complicato quello di chi soffre di Spondilite anchilosante con continui rinvii dal medico di medicina generale, all’ortopedico, all’osteopata, al neurologo prima di arrivare dal reumatologo e raggiungere il traguardo di una diagnosi corrispondente alla realtà e ricevere terapia efficace.

Un ritardo, questo che – sono dati del sondaggio EMAS (European Map of Axial Spondyloarthritis) eseguito in 13 Paesi europei, pubblicati sul Current Rheumatology Reports - raggiunge i 7-8 anni e penalizza grandemente il paziente, nel presente e ne condiziona la vita, spesso nettamente, per il futuro. Necessario, quindi, diminuire i tempi di accesso alle cure per il paziente attraverso una stretta collaborazione tra medici di medicina generale, farmacisti e specialisti nella gestione delle patologie croniche e la più ampia divulgazione dei sintomi della patologia Entra nelle farmacie e cresce in Rete la Campagna di sensibilizzazione sulla Spondilite Anchilosante “Sai se hai la SA? Scegli il tuo futuro”, promossa da Novartis.

Secondo il sondaggio, il 74,1% delle persone intervistate ha dichiarato di avere difficoltà a trovare un lavoro a causa della malattia, il 61,5%di aver sofferto di un disagio psicologico, ed uno su tre mifesta ansia e/o depressione. I partecipanti hanno inoltre riferito di temere in particolare la progressione della malattia, la sofferenza o la perdita di mobilità. “I risultati della mappa europea sulle spondilartriti – dice la pugliese Antonella Celano, presidente Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare (APMAR) - offrono un quadro chiaro sullo status della malattia. Non conoscerla, non sapere della sua esistenza, porta a un ritardo nell’inizio del corretto percorso terapeutico che può avere conseguenze importanti e cambiare il corso della vita sociale, familiare, professionale”.

“Noi reumatologi - dice Piercarlo Sarzi, responsabile della Reumatologia dell’ospedale Sacco, Milano - siamo il corretto punto di arrivo di queste persone e purtroppo vediamo ancora molti pazienti che hanno sintomi tipici della malattia da diversi anni, che ne compromettono la qualità di vita. E’ necessario creare cultura attorno alla SA, anche attraverso la collaborazione dei medici di Medicina Generale, velocizzare il percorso diagnostico-terapeutico e ridurre così l’impatto della patologia sulla qualità di vita.

“Quando sono presenti - avverte Sarzi - mal di schiena costante, per più di tre mesi, con dolore particolarmente nelle ore notturne, e/o rigidità mattutina che migliora con il movimento, è bene rivolgersi a un reumatologo. Oggi grazie ai progressi della ricerca scientifica, i pazienti possono beneficiare di farmaci di nuova generazione che sono in grado di inibire efficacemente il processo infiammatorio di questa patologia”. “E’ anche partito, in questo mese di sensibilizzazione sulla SA, il progetto ‘Reumatologo in farmacia’ ulteriore capitolo di informazione della campagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie