Venerdì 18 Gennaio 2019 | 08:11

NEWS DALLA SEZIONE

Nuovo vaccino anti-influenza da colture cellulari

 

Il bergamotto medicina del cuore

 

Che influenza ci porta la befana?

 

Giulio Tarro, premiato miglior virologo al mondo

 

Babbo Natale acquista un'app per i trapiantati di rene

 

Trapianto d'organo: una novella vita da non sprecare

 

i più visti della sezione

Nuovo vaccino anti-influenza da colture cellulari

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

La Commissione Europea ha autorizzato la commercializzazione del nuovo vaccino antinfluenzale stagionale, il primo quadrivalente preparato su colture cellulari (antigene di superficie, inattivato), per l’utilizzo, a partire dai nove anni di età, per la stagione 2019-20. Seqirus produce tali vaccini influenzali presso la struttura di Holly Springs, nel North Carolina (USA).

La tecnologia utilizzata per la preparazione rappresenta uno dei cambiamenti più significativi intervenuti, dopo gli anni quaranta, nella produzione dei vaccini antinfluenzali.

I dati “real world” indicano che i vaccini antinfluenzali prodotti in colture cellulari potrebbero essere più efficaci di quelli prodotti con i metodi tradizionali nelle stagioni interessate da difficoltà di adattamento dei ceppi vaccinali alla crescita nelle uova.

Uno studio presentato alla Canadian Immunization Conference relativo ad un’analisi effettuata su oltre 1,3 milioni di cartelle cliniche, ha evidenziato che, negli Stati Uniti, durante la stagione influenzale 2017-18, questo vaccino è stato più efficace (32%) dei vaccini quadrivalenti standard coltivati su uova, nella prevenzione delle sindromi influenzali.

La ricerca ha dimostrato che alcuni virus H3N2, quando vengono coltivati ​​su uova, subiscono cambiamenti che portano ad una riduzione dell’efficacia dei vaccini antinfluenzali stessi (situazione osservata nelle stagioni dominate da virus H3N2). Il vaccino prodotto, invece, con procedimenti interamente estranei alla coltura su uova, come quella su substrato cellulare, il componente H3N2 è in grado di offrire una protezione più mirata, e pertanto potenzialmente migliore, contro il ceppo H3N2 circolante rispetto alle opzioni standard di produzione su uova.

Le Autorità Sanitarie del Regno Unito si sono già espresse a favore dell’uso del vaccino antinfluenzale preparato su colture cellulari sia negli over 65 anni che nei più giovani appartenenti a categorie a rischio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400