Giovedì 21 Febbraio 2019 | 01:08

NEWS DALLA SEZIONE

Usa, cancro del sangue: si guarisce, si vive di più

 

Via aperta per rendere «cronica» l'emofilia

 

Funghi, il re dei boschi, generoso amico/nemico dell'uomo

 

«Mieloma ti sfido - Io non mi lascio cadere»

 

La fiaba dell'unicorno bianco che illustra l'emofilia

 
FEBBRARAIO MESE DELLA PREVENZIONE

Diabete, il killer degli occhi

 

Bari, pediatri famiglia: copertura sanitaria sino alla maggiore età

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Nuovi anziani, nuova medicina, nuovo medico: rivoluzione epocale

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Nuova sfida per la medicina. Deve interessarsi meglio e di più della nuova realtà: i soggetti anziani sempre più numerosi e, tra loro, la prevalenza di malati cronici. L’esplosione delle malattie croniche, per le quali oggi si spende circa il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale, ha portato alla ribalta una tipologia di malato del tutto inedita: il paziente complesso, nel quale coesistono diverse patologie. La crescente prevalenza di pazienti cronici con multipatologia che, in Italia, riguarda 1/3 della popolazione adulta e più di 2/3 della popolazione anziana, pone al Sistema Salute molteplici sfide.

In primis, quella di mettere in campo una nuova figura sanitaria, il medico esperto in medicina della complessità. La prevalenza delle malattie croniche aumenta linearmente con l’età, passando da un 10% nella fascia d’età 0-19 anni al 78% nelle persone anziane. Il 10% della popolazione italiana sopra i 65 anni ha più di tre condizioni morbose croniche. Il profilo del nuovo malato complesso è quello di un individuo sopra i 65 anni, che assume contemporaneamente più di 5 farmaci, afflitto da disabilità ma con un’aspettativa media di vita più lunga che in passato.

Serve un approccio mirato alla nuova medicina della complessità e una gestione coordinata del paziente “multimorbido” attraverso percorsi diagnostico- terapeutici riabilitativi individualizzati. “Il paziente con una sola malattia non esiste quasi più e la cura, esclusivamente specialistica, prima tanto in auge, non è più risolutiva – dice Claudio Ferri, Presidente della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA) – oggi bisogna gestire la complessità clinica ma anche quella sociale ed economica della persona malata. Oggi necessita un medico esperto in medicina della complessità è la figura sanitaria che riesce a inquadrare il malato cronico, a fare una sintesi delle sue problematiche, a coordinare e pianificare il percorso di cura anche nell’acuzie, assicurando una continuità assistenziale tra ospedale e territorio. Tutto ciò si ripercuote positivamente sulla salute e qualità di vita del paziente e sulla sostenibilità del sistema sanitario”.

Le malattie croniche, in particolare quelle cardio- vascolari (48%) e i tumori (28%), oltre a minare la sostenibilità dei Sistemi Sanitari sono responsabili del 92% di tutte le morti in Italia. Il medico esperto della cronicità è capace di distinguere in un paziente complesso le condizioni morbose più importanti, come una dislipidemia grave, da quelle meno importanti e di attuare strategie terapeutiche personalizzate e preventive. Non esistono linee guida per il paziente con multipatologia ma tante linee guida per singola malattia, perché ancora oggi l’Università insegna ai futuri medici soltanto le singole branche della medicina, con il risultato di un ‘sapere’ frammentato.

“Il malato cronico può essere curato ma difficilmente viene guarito – afferma Enzo Manzato, Presidente della Società Italiana per lo Studio dell’Aterosclerosi (SISA) – le alterazioni del metabolismo dei lipidi, come le dislipidemie, tanto frequenti, possono portare alla complessità clinica di un paziente. Qui entra in gioco la competenza del medico della complessità, che deve mettere in atto le raccomandazioni dettate dalle più recenti linee guida di ridurre drasticamente e rapidamente il valore del colesterolo cattivo nel sangue. L’obiettivo primario del trattamento è quello di prevenire l’infarto”. La presenza concomitante di più patologie ha un ruolo critico nei confronti degli outcome sanitari, compresi qualità di vita e disabilità che aumentano il consumo di farmaci, dei costi e un maggiore impiego di risorse sanitarie. È compito del medico esperto e certificato in medicina della complessità la messa a punto di un percorso diagnostico terapeutico assistenziale e riabilitativo il più possibile individualizzato e di ottimizzare le risorse disponibili.

All’incontro “Il paziente complesso, un nuovo protagonista sullo scenario della salute: medici competenti e certificati per vincere la sfida”, promosso da The System Academy con il supporto incondizionato di Alfasigma, è stato delineato il profilo del nuovo medico. The System Academy nella sua mission pone l’accento su un concetto moderno di sanità e welfare, mirato a creare professionisti qualificati e certificati nella competenza della complessità. “The System Academy è un’associazione scientifico- culturale no profit che, tra le diverse attività, organizza percorsi di formazione specifica per preparare gli operatori sanitari a sostenere l’esame di certificazione professionale di medico esperto in medicina della complessità. Egli – dice Augusto Zaninelli, Presidente The System Academy – nella complessità, è un professionista formato per la gestione, con buon senso, del Paziente cronico con multipatologie, applicando le raccomandazioni nella pratica clinica tenendo conto di tutte le patologie e le variabili che coesistono nella stessa persona”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400