Cerca

Venerdì 15 Dicembre 2017 | 03:47

Il blitz a Bitetto

Scacco al clan dei narcos: così intimidivano i carabinieri


Venti ordinanze di custodia cautelare contro un clan dedito al traffico di droga. Il blizt scattato oggi all'alba ha riguardato appartenenti a una organizzazione dedica al traffico di droga nella zona di Bitetto. Arresti che provengono da indagini condotte dalla Compagnia di Modugno che presero spunto da un duplice tentato omicidio, avvenuto il 13 maggio 2013, a Grumo Appula. In quell’occasione i militari, oltre a far emergere le responsabilità dell’agguato, scoprirono anche una florida attività di spaccio di stupefacenti, nel vicino comune di Bitetto. Numerose le perquisizioni in corso. Nel corso dell'indagine è stato accertato anche la reponsabilità su un attentato incendiario che riguardò l'auto del comandante della stazione dei Carabinieri di Bitetto.
Determinanti, per incastrare, la banda, si sono rivelate le intercettazioni telefoniche e ambientali. La banda usava frasi criptate per la droga. «Questa birra che mi porti adesso sabato te la pago. Complimenti è buona questa birra». E ancora un altro sms. «Il bil mettilo dove ieri stava la busta».
Nella conversazione, captata dai carabinieri, un o degli arrestati in relazione all'attentato incendiario al maresciallo comandante della stazione di Bitetto dice: Sei stato tu allora?
Dall'altro capo del telefono arriva un "Sì". "a rischiare 5-6 anni di carcere... che non è una persona qualsiasi Francesco (il maresciallo dei carabinieri, ndr).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione