Lunedì 23 Luglio 2018 | 12:02

Calci e pugni

Lecce, bullismo a scuola

Lecce, la denuncia dei genitori per bullismo in una scuola. A scoprire tutto è stata la madre che ha ricevuto in chat il video nel quale vengono riprese le violenze

LECCE - I genitori di un ragazzo di 17 anni hanno presentato un esposto in Procura a Lecce nel quale denunciano che il giovane sarebbe stato vittima di atti di bullismo a scuola: picchiato e umiliato dai compagni di classe. Allegando alla denuncia anche un video. Lo scrive il Quotidiano di Lecce. Il filmato sarebbe stato girato da un altro amico del giovane. Si vede in particolare uno studente che aggredisce il compagno tirandogli calci e minacciandolo con una sedia. Secondo la famiglia, il ragazzo avrebbe subito soprusi, umiliazioni e botte fin dall’inizio dell’anno scolastico. A scoprire tutto è stata la madre che ha ricevuto in chat il video nel quale vengono riprese le violenze. Il ragazzo le avrebbe confermato quanto accaduto.

 
«Gli toglievano la maglia e la usavano come 'cancellinò della lavagna. Non solo aggressioni - sul suo corpo c'erano segni che lui ha sempre cercato di minimizzare - ma anche umiliazioni per il 17enne aggredito in classe a Lecce;. Lo riferisce, interpellato dall’Ansa, l’avvocato Giovanni Montagna che ha presentato un esposto in Procura per atti di bullismo a scuola.

«E' un ragazzo molto introverso, chiuso ma che ha sempre avuto un brillante rendimento scolastico. Da settembre, da quando sarebbero iniziati questi episodi, invece è calato notevolmente», racconta Montagna. Il giovane aveva negato alla madre di avere problemi in classe fino al 7 aprile quando lei ha ricevuto un whatsapp con un video che ritraeva il figlio vittima di atti di bullismo a scuola da parte di un compagno che lo prendeva a calci e lo minacciava con una sedia. Il video le è arrivato grazie ad un amico del 17enne che ha voluto cercare di aiutare la vittima. Quando la mamma ha chiesto spiegazioni, il giovane preso di mira dai bulli ha cercato di minimizzare. Non è ancora chiaro quanti partecipassero alle vessazioni. Sarà il lavoro della Procura a dover cercare di fare chiarezza».

Nel video si sentono alcune voci che, secondo l'interpretazione della mamma riferita all’avvocato, rivelerebbero la volontà di un amico - ma dal filmato emerge la partecipazione almeno di un’altra persona - di aiutare la vittima di bullismo a scuola a uscire dalla situazione di umiliazione. «Sicuro che stai registrando?», inizia uno dei due. «Sì», risponde l’altro. Poi, in dialetto leccese: «Così lo mettiamo a posto proprio». "Ma a tutto io devo pensare?», è la conclusione del dialogo. Da parte della scuola ci sarebbe stata massima collaborazione e interesse a far luce sull'accaduto.

73100 Lecce LE, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Marc Gasol in conferenza stampa a Palma di Maiorca

Marc Gasol in conferenza stampa a Palma di Maiorca

 
Un partecipante della Duhner Wattrennen nel mare di Wadden

Un partecipante della Duhner Wattrennen nel mare di Wadden

 
Jude Law a San Diego, tra i protagonisti di Fantastic Beasts

Jude Law a San Diego, tra i protagonisti di Fantastic Beasts

 
Una bimba filippina sfollata a causa del monsone Josie

Una bimba filippina sfollata a causa del monsone Josie

 
Il neoattaccante della Roma Justin Kluivert a Fiumicino

Il neoattaccante della Roma Justin Kluivert a Fiumicino

 
Lottatori ai Mondiali di Sumo di Taiwan

Lottatori ai Mondiali di Sumo di Taiwan

 
Battesimo di massa per pentecostali nel fiume Dniepr a Kiev

Battesimo di massa per pentecostali nel fiume Dniepr a Kiev

 
Governo: Di Maio nel Nisseno, incontra imprenditori agricoli

Governo: Di Maio nel Nisseno, incontra imprenditori agricoli

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS