Cerca

Martedì 16 Gennaio 2018 | 22:18

Video

Sporcaccioni, il film di Decaro
contro gli «schifosi» del 2017

Nelle immagini si vedono alcuni cittadini mentre si aiutano con un carrello per trasportare meglio i rifiuti, e altri che abbandonano in strada un divano e anche qualche mobiletto

Continua la rubrica 'social' dello 'sporcaccionè con cui il Comune di Bari dà la caccia ai cittadini che violano la normativa sul conferimento dei rifiuti, filmandoli con telecamere nascoste e pubblicando le loro 'gestà su Facebook. Questa mattina, con un video in perfetto stile cinema muto «perché non ci sono più parole per definire la loro incivilità», il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha pubblicato sulla sua pagina Fb «gli ultimi (speriamo) schifosi del 2017».

Nelle immagini si vedono alcuni cittadini mentre si aiutano con un carrello per trasportare meglio i rifiuti, e altri che abbandonano in strada un divano e anche qualche mobiletto. L'ultimo, nei giorni scorsi, incoronato dal sindaco «schifoso dell’anno», aveva abbandonato un frigorifero, in pieno giorno, nel cosiddetto 'salotto buonò della città e durante lo shopping natalizio. L’uomo però era stato fotografato dai cittadini che in decine di casi si sono uniti alla battaglia di Decaro contro l'abbandono selvaggio dei rifiuti. Grazie a questo stratagemma e all’aiuto dei baresi, numerosi «sporcaccioni» sono stati anche multati.

«L'auspicio per il 2018 - ha detto Decaro incontrando i giornalisti per la conferenza di fine anno - è di chiuderla quella rubrica, perché spero non ci sia più materiale da utilizzare». Il sindaco ha ricordato l’avvio della raccolta porta a porta in cinque quartieri, «per un totale di 50mila abitanti» e con «percentuali altissime che in alcuni casi sfiorano l’80% di raccolta differenziata». «Con il porta a porta - ha rilevato - si elimina il cassonetto che non è più l'attrattore del rifiuto che viene lasciato per terra, o del rifiuto ingombrante». «Sono convinto - ha concluso il sindaco - che i baresi sporcaccioni diventeranno una minoranza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione