Cerca

Domenica 20 Agosto 2017 | 13:45

Dopo incendio di auto

S. Marco in Lamis, attentato
in diretta: preso un 51enne

I carabinieri hanno rinvenuto nella sua abitazione alcuni ordigni incendiari


I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato Michele Coco, 51 anni, di San Marco in Lamis, ritenuto responsabile di danneggiamento seguito da incendio e fabbricazione e detenzione di materiale esplodente.

Dopo l’incendio di due autovetture (una delle quali andata completamente distrutta) avvenuto nelle prime ore del mattino del 20.02.2017 in San Marco in Lamis, i militari hanno avviato le indagini per risalire agli autori: in particolare, grazie ad alcune telecamere di sorveglianza nel luogo dell'attentato, è stato possibile riprendere l'intera sequenza dell'incendio e ottenere dati utili per l'identificazione del responsabile.

Coco è stato rinracciato e nella sua abitazione sono stati rinvenuti e sequestrati tre ordigni esplosivi artigianali confezionati con involucri di materiale adesivo e pesanti pezzi di metallo, in grado di causare micidiali danni a persone e cose nonché svariato materiale incendiario ed esplosivo. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri artificieri antisabotaggio di Lecce. L'uomo è in regime di detenzione domiciliare.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate a verificare eventuali ulteriori responsabilità per altri analoghi incendi recentemente avvenuti nel territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione