Domenica 22 Luglio 2018 | 09:03

Ritorno a casa

Negramaro a Lecce, il concerto allo stadio davanti ai 30mila

LECCE - "Ciao Casa! Canta!!". Sono state queste le prime parole che Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, ha rivolto ai circa 30mila fan che hanno assistito all’ultima tappa dell’”Amore che torni” tour, allo stadio Via del Mare di Lecce. Un ritorno nel loro Salento attesissimo da mesi, e una serata di lieti annunci, dal momento che Sangiorgi ha svelato che la compagna Ilaria aspetta una bambina, e che anche il chitarrista della band, Lele Spedicato, sta per diventare padre.

Il “Negramaro day” è cominciato già dalle prime ore del pomeriggio: tra i 30mila spettatori provenienti da tutto il sud Italia, qualcuno anche da più lontano, i più temerari hanno sfidato la calura estiva e hanno aspettato sotto il sole l’apertura dei cancelli, per assicurarsi un posto nelle prime file. Ad accoglierli un palco maestoso (per l’allestimento ci è voluta quasi una settimana), con tre maxischermi, cinque palchetti mobili con la facciata a led che trasmetteva video, una pedana frontale e due prolungamenti laterali, che hanno consentito a Giuliano e agli altri di stare ancora più a contatto con il pubblico. Sorprendenti i giochi di luci, quasi psichedeliche, che si muovevano a ritmo di musica.

La serata è cominciata con “Fino all’imbrunire”, primo singolo estratto da “Amore che torni”. Un inizio emozionante e deciso, seguito da “Ti è mai successo?” e uno dei classici dei Negramaro, “Estate”, intonata da tutto lo stadio. "Vorrei che questa notte non finisse mai. Sei tu la mia città, Lecce, la nostra città", a introdurre l’omonimo brano, e ogni canzone è diventata un inno al Salento e alla terra di Giuliano e compagni. "Lecce è la città più accesa dell’universo, ed è il nostro posto dei santi", con queste parole è stato il momento de “Il Posto dei Santi”, seguita da “Mi Basta”, mentre sui led sono comparse frasi di inno alla vita. E proprio di vita, anzi di nuove vite in casa Negramaro, ha parlato Giuliano, ringraziando per lo stadio strapieno: "Sembra un sogno. Eravamo andati via per un po’ per pensare, siamo tornati carichi di tanta vita. E adesso Lele (Spedicato) e Clio ci hanno dato un lieto annuncio.. e anche io aspetto una bimba!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS