Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 18:15

martina

Statale 172, via agli espropri
Anas prepara la cantierizzazione

Lavori per la quarta corsia dell'Orimini e la San Paolo-Locorotondo

Sequestrato tratto della ss 172«Gravi disagi alla circolazione»

PASQUALE D’ARCANGELO
MARTINA - È più vicina la cantierizzazione della Statale 172 per la costruzione della quarta corsia dell’Orimini superiore tra Martina e Taranto e le aste di penetrazione per mettere in sicurezza il tratto a due corsie tra San Paolo e Locorotondo. Anas, dopo aver completato il lungo iter del capitolato d’appalto, ultimato due anni fa, con l’approvazione dei Comuni di Martina, Locorotondo e Crispiano del progetto esecutivo, ha avviato la procedura degli espropri riguardanti oltre 50 proprietà interessate ai 14 chilometri di strada. L’ufficio espropri ha fissato per il 31 gennaio e l’1 febbraio l’ultimo giorno utile per accettare le offerte provvisorie per l’indennità di occupazione temporanea (l’80% fino al saldo definitivo), avendo la possibilità, in caso di assenza dei proprietari, a procedere ugualmente alle operazioni formali di occupazione con due testimoni.

Titoli di proprietà delle numerose particelle interessale all’ampliamento della strada, documentazione probatoria per i coltivatori diretti, concessioni edilizie e sanatorie per i fabbricati sono le carte che i proprietari dovranno predisporre ai funzionari Anas, che potranno disporre le liquidazioni bancarie e procedere al picchettamento delle aree necessarie per fare i sospirati lavori che da oltre 40 anni sono attesi dai martinesi e dai pendolari, dopo l’interruzione del percorso ai piedi dell’Orimini, dove le quattro corsie sono state ridotte a tre, in seguito al declassamento dell’Orimini Inferiore, originariamente prevista con due corsie a senso unico per scendere a Taranto, ma rimasta una stradina nel bosco, a servizio delle masserie sfruttata selvaggiamente da chi scarica rifiuti sul ciglio della strada ma anche nel bosco.

L’Anas dopo aver interrotto per più di 30 anni i lavori della strada di collegamento più importante tra i mari Jonio e Adriatico, dopo aver superato i problemi di impatto ambientale, riguarda il bosco dell’Orimini, ma soprattutto l’attraversamento della Valle d’Itria, è ora pronta a cantierizzare i lavori per la quarta corsia e per le rotatorie a San Paolo e alla Vinicola Di Marco, procedendo con l’ampliamento e la messa in sicurezza del tratto che da San Paolo arriva fino ai piedi di Locorotondo. Un’opera che consentirà altresì la realizzazione della circonvallazione di Martina, di cui la Provincia si è fatta nuovamente carico, trovando nuovi fondi dopo averli ceduti per la Martina-Alberobello e un parcheggio al Comune di Martina. Il cantiere della 172 insomma potrà partire in primavera per porre fine ad una lunga e incredibile storia. Animata dagli ambientalisti degli anni 80 che furono utili a far sparie le risorse, ora tornate grazie al piano per il sud sottoscritto dall’allora ministro Fitto e il suo avversario di sempre Vendola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione