Cerca

Martedì 12 Dicembre 2017 | 15:07

martina

Uno stadio senza calcio
e anche senza mercato

Mentre la squadra si riorganizza per salire di categoria

Uno stadio senza calcio e anche senza mercato

PASQUALE D’ARCANGELO

MARTINA - Nessun passo avanti sulla questione Tursi. Eppure sui lavori hanno garantito tutte le forze politiche, dopo che il commissario prefettizio si era trovato con le mani legate da una chiusura per inagibilità dell’impianto quando la società concessionaria per la manutenzione decise di riconsegnare le chiavi al Comune con un anno di anticipo, rinunciando finanche a fare l’iscrizione nella Lega Pro. Con quali fondi rimettere a posto quanto contestato dall’ufficio tecnico che ha anche avviato un procedimento per recuperare le somme di presunti danni che vanno dal pericolo di crollo dell’intera copertura della tribuna Sanità nonché per le protezioni delle torri dell’illuminazione, oltre ad una serie di interventi di manutenzione ordinaria che neppure il Comune ha fatto da un anno a questa parte, pur avendo lasciato il vecchio Consiglio (prima dell’autoscioglimento i fondi per garantire addirittura l’apertura della tribuna ospiti di via dello Stadio dall’attuale ucita di sicurezza per evitare contatti tra le tifoserie).

Invece il Tursi è un colabrodo, malgrado dovrà essere utilizzato fino alla realizzazione del nuovo stadio al Pergolo, nei programmi da cinque anni del sindaco Ancona, che ha rinnovato la volontà di smantellare lo stadio di via Sanità per fare la nuova area mercato. Ma quale uso se non si può ancora fare una neppure una partita di calcio di Promozione, con qualche centinaio di spettatori sugli spalti, per lo più martinesi?

La questione è kafkiana. L’erba è stata rifatta. Gli spogliatoi sono stati sistemati, sia pure lavorando rilento per tentante di riaprire almeno due settori e mezzo. Anziché accontentarsi della vecchia gradinata (attualmente settore ospiti) in attesa di completare la curva (dove si presentano problemi per i vecchi tubi innocenti e anche per l’ingresso da piazza d’Angiò, visto che si vuole aprire una parte del settore distinti nel tratto scoperto per eventuali ospiti). E’ arrivata la capolista e domenica al Pergolo nonostante la sconfitta beffarda non è successo niente con un'unica tribuna a disposizione. Quello che serve al Martina è il campo in erba dopo aver deciso di tagliare 6 giocatori, mettendoli sul mercato per rinforzare l’organico e cercare la strada dei play off.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione