Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 06:23

Mafia

Taranto, testo teatrale
per ricordare Dalla Chiesa

Il generale ucciso 35 anni fa. Il fratello del capitano Basile: i giovani hanno bisogno di valori

Taranto, testo teatraleper ricordare Dalla Chgiesa

Una rappresentazione teatrale e un dibattito con gli studenti, alla presenza dell’Arma dei Carabinieri, in ricordo del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa a 35 anni dalla sua morte. Doppia iniziativa oggi al teatro Orfeo di Taranto. Sul palco è stato portato in scena «Memo e il generale», tratto dal testo di Cristiano Gatti, con Alfredo Traversa e Federico Passariello jr, Amando Cavallo, aiuto regia Antonella Fanigliulo, a cura di Alfredo Traversa. A seguire il dibattito con gli studenti delle scuole cittadine.

«I giovani - ha commentato il docente Vincenzo Basile, fratello del capitano Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri ucciso da Cosa Nostra il 3 maggio 1980 - hanno bisogno di figure che parlano dei valori, i valori dell’onestà e dell’attaccamento al dovere». Il messaggio, per il colonnello Andrea Intermite, comandante provinciale dei carabinieri di Taranto, «è quello di non dimenticare le persone che sono cadute per rendere l’Italia migliore, a prescindere da quella che era la casacca di appartenenza. Dice Sepulveda che un popolo senza memoria è un popolo senza futuro. Ricordano questi uomini si può creare sempre un futuro migliore».

«Memo e il generale» racconta un’Italia fatta di contrasti. «La vita del generale - ha detto il regista Traversa - s'intreccia con la vita degli italiani, della nazionale di calcio che vince i mondiali nell’82, con la vita dei ragazzi che vanno a scuola e non sanno che sta accadendo in quella estate. Nessuno di noi avvertiva la tragicità del momento del generale Dalla Chiesa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione