Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 00:21

società

Unioni civili a Massafra
approvato regolamento comunale

Ok del Consiglio. Si potranno celebrare in nuovi siti di interesse culturale

unioni civili

di ANTONELLO PICCOLO

MASSAFRA - Il Consiglio comunale di Massafra, nel corso dell’ultima seduta, ha deliberato favorevolmente il “Regolamento per la Celebrazione dei matrimoni e la costituzione delle unioni civili”, con incremento delle date e dei siti dove sarà possibile effettuare le cerimonie. Regolamento che – come spiegato dal capogruppo di Strada Maggiore, Michele Bramante -consentirà di celebrare i matrimoni e le unioni civili in siti di interesse storico culturale della Città, e precisamente a Palazzo De Notaristefani (sala ubicata al primo piano, Chiostro e Corte), nella sala consiliare, nella chiesa di Sant’Agostino, nella corte del Castello, nella piazza Santi Medici, sulla terrazza del Teatro Comunale con vista villaggio Santa Marina.

«Considerato anche il ruolo che sta conquistando la Regione Puglia nel panorama internazionale – aggiunge Michele Bramante - l’obbiettivo è quello di dare lustro al nostro patrimonio artistico, destando certamente l’attenzione di stranieri e non che vorranno celebrare la propria unione nella nostra Città».

Per i residenti di Massafra, le tariffe saranno più basse rispetto ai forestieri. Questo è un ulteriore risultato ottenuto attraverso il lavoro delle commissioni Turismo, Cultura, Spettacolo ed Affari generali presiedute rispettivamente, dalle consigliere comunali Graziana Castellano e Clementina Losavio, con il contributo del capogruppo di Strada Maggiore, Michele Bramante.

«È una tangibile testimonianza – rileva Bramante - che questa Amministrazione ha ben chiara la direzione in cui vuole proiettare la nostra città, quella cioè dello sviluppo attraverso la riqualificazione e la riconversione del patrimonio artistico storico e culturale. Questo perché siamo convinti che bisogna garantire a Massafra ed ai massafresi, delle possibilità e delle opportunità nel breve periodo, ma soprattutto per far sì che le future generazioni possano trovare stimolo e occupazione. Nello stesso Consiglio comunale infatti, il sindaco ha espresso la propria vicinanza e quella dell’amministrazione tutta alla delicata situazione che stanno vivendo decine di famiglie massafresi per l’incognita legata alla situazione dello stabilimento Ilva. L’impegno e l’attenzione da parte dell’ente è e sarà massima, infatti di concerto con i sindaci dei paesi limitrofi – conclude Bramante - si sono già avviate le consultazioni sulle iniziative da intraprendere, tutti insieme, per far sentire a gran voce che ci siamo e che vogliamo essere parte attiva nelle scelte che verranno intraprese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione