Domenica 22 Luglio 2018 | 10:36

asl: nessun allarme

Taranto, sospetta malaria
ricoverati 4 migranti

I quattro - pare di origini marocchine - soggiornano e probabilmente lavorano nelle campagne della zona occidentale della provincia di Taranto.

Scambiano bacche per moreintossicate due martinesi

Sotto osservazione quattro extracomunitari ricoverati nelle ultime ore presso il reparto di Malattie infettive dell’ospedale Moscati di Taranto. Fra le possibili ipotesi, si sospetta che possano aver contratto la malaria. I quattro - pare di origini marocchine - soggiornano e probabilmente lavorano nelle campagne della zona occidentale della provincia di Taranto. Il ricovero al Moscati si sarebbe reso necessario a seguito di alcuni sintomi da loro manifestati e sui quali i medici vogliono vederci chiaro. Questo per escludere o al contrario confermare, tra le tante ipotesi fatte, che possa trattarsi di malaria o patologia affine. Trattandosi di patologia infettiva, infatti, i sintomi sono spesso sovrapponibili e quindi di difficile diagnosi se non con indagini specifiche e mirate. Tuttavia, proprio allo scopo di scongiurare le ipotesi più preoccupanti ed a puro scopo precauzionale, i quattro sono stati ricoverati al reparto Infettivi dove sono state eseguite una serie di analisi, i cui campioni sono stati inviati ai centri specialistici di Bari e Roma. 
Anche qualche tempo fa si era diffusa la voce che potesse esserci un caso di malaria a carico di una persona ricoverata, ma le indagini effettuate hanno escluso tale ipotesi e smentito ogni preoccupazione. [M.R.Gigante]

ANALISI CONFERMANO SOSPETTI. LA ASL: NESSUN ALLARME - Le analisi effettuate in centri specialistici di Bari e Roma hanno confermato che quattro extracomunitari (tre magrebini e un sudanese) ricoverati nelle ultime ore nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Moscati di Taranto hanno contratto la malaria. Lo rende noto l'Asl di Taranto, precisando che «non c'è da fare allarmismo» e che «verrà seguita la normale profilassi prevista in questi casi». I quattro sono braccianti agricoli che hanno lavorato nelle campagne della zona occidentale della provincia di Taranto. A quanto si è appreso, sono stati ricoverati in tempi diversi nei giorni scorsi nel reparto Infettivi per essere sottoposti a una serie di analisi, i cui campioni sono stati successivamente inviati ai centri specialistici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • revisore

    03 Ottobre 2017 - 12:12

    Finchè peste ci colga.Rom esploratori di cassonetti,migranti senza ne arte ne parte,campi di raccolta,baraccopoli.Già stiamo pagando questa ondata senza controllo,ma a breve pagheremo conseguenze più gravi.

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Gara Ilva, bufera su Di Maio«Annullamento è una follia»Cantone (Anac) frena sul parere

Gara Ilva, bufera su Di Maio. Cantone (Anac) frena. Ministro: «Verifichiamo»

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

 
Spaccio di droga19 arresti a Taranto

Spaccio di droga
19 arresti a Taranto

 
Ilva, Codacons esclusi da Misepresenta ricorso a Consiglio Stato

Ilva, Codacons esclusi da Mise
presenta ricorso a Consiglio Stato

 
Emissioni di nubi maleodoranti Eni e Hidrochemical a giudizio

Emissioni di nubi maleodoranti
Eni e Hidrochemical a giudizio

 
Ilva, Anac «Criticità in gara, ma stop spetta a governo» e Di Maio informa Conte

Ilva, Di Maio: «Hanno fatto un pasticcio. Al via indagine»
Emiliano: Anac ci ha dato ragione

 
Taranto, omicidio imprenditore agricolo: assassino condannato a 16 anni

Taranto, omicidio imprenditore agricolo: assassino condannato a 16 anni

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS