Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 22:14

massafra

Spaccio in famiglia
presi padre e figlia

Sotto sequestro quasi mezzo chilo di marijuana

Spaccio in famiglia  presi padre e figlia

TARANTO - I carabinieri della compagnia di Massafra e della locale stazione hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, padre e figlia rispettivamente 47enne e 22enne, entrambi di Massafra.

I militari, nel corso di attività info-investigativa, hanno appreso che i due erano dediti a traffici illeciti in materia di stupefacenti e per tali motivi hanno concentrato la loro attenzione nei pressi della loro abitazione. Dopo un mirato servizio di osservazione e controllo hanno deciso di effettuare una perquisizione finalizzata alla ricerca di sostanze stupefacenti. Durante le operazioni, la donna, dopo aver dialogato brevemente con il padre, si allontanava dall’abitazione per raggiungere una seconda casa, sita sempre in Massafra, dove i militari, che nel frattempo si erano appostati, hanno sorpreso la ragazza nel tentativo di disfarsi di una borsa con all’interno 407 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento delle dosi.

Padre e figlia, condotti in caserma, dopo le formalità di rito, sono stati arrestati e successivamente, su disposizione del pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Taranto, tradotti rispettivamente presso la casa circondariale del capoluogo jonico e presso l’abitazione per essere sottoposta agli arresti domiciliari.

La sostanza stupefacente rinvenuta, il bilancino ed il materiale per il confezionamento delle dosi, sono stati sottoposti a sequestro penale.

Le indagini proseguono per accertare la provenienza della sostanza stupefacente, di tipologia uguale a quella che arriva dall’Albania in quantità sempre più cospicua, e ricostruire la rete di spaccio che veniva alimentata dalla marijuana venduta in dosi dalle due persone finite in manette.

Il blitz dei carabinieri è riuscito a sottrarre dal mercato massafrese quasi mezzo chilo di stupefacente, bloccando quel continuo andirivieni di giovani tossicodipendenti dall’abitazione di padre e figlia che aveva generato non pochi sospetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leonida

    Leonida

    21 Maggio 2017 - 17:05

    un sacco di casino per un po di marijuana che a mio parere sarebbe meglio legalizzarla,mentre per le droghe pesanti notissime famiglie tarantine spacciano indisturbate eroina e cocaina,...fregandosene dell eta dei ragazzi che vanno ad aquistare e comunque non si vede neppure una pattuglia passare nei pressi della loro casa neppure per errore...cosa significa questo?

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione