Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 20:37

i cantieri a Taranto

Cinema teatro «Fusco»
al via i lavori preliminari

È chiuso ormai da tredici anni. Da ieri e sino a fine anno c'è il divieto di sosta in via Giovinazzi

Cinema teatro «Fusco»  al via i lavori preliminari

Il teatro Fusco chiuso da 13 anni

di FABIO VENERE

TARANTO - Lavori al cine - teatro «Fusco», da ieri e sino a fine anno scatta il divieto di sosta in via Giovinazzi. Lo «stop» è stato predisposto per consentire alle aziende appaltatrici di eseguire i lavori preliminari (pulizia dei locali) e per lo svolgimento di alcune indagini sulle strutture e sulle fondazioni, necessarie alla redazione del progetto esecutivo. Verrà, inoltre, utilizzato un georadar proprio verificare le condizioni di quel che esiste al di sotto del cine - teatro. Il divieto di sosta è operativo da ieri ma gli interventi veri e propri dovrebbero iniziare tra domani e giovedì.

Si avviano, dunque, quelle che, in gergo tecnico, vengono definite opere provvisionali. I tecnici della direzione Lavori pubblici del Comune di Taranto, insieme a quelli dell’impresa aggiudicataria del bando di gara, daranno il via libera a quegli interventi preliminari all’apertura reale del cantiere. Che, invece, è prevista per metà febbraio.

Nelle prossime settimane, intanto, la società appaltatrice dovrà definire il progetto esecutivo che, a sua volta, dovrà incassare il via libera (ovvero, la validazione) da parte del funzionario comunale incaricato di seguire l’appalto stesso (si tratta di quello che viene chiamato responsabile unico del procedimento).

Nello scorso luglio, vale la pena di ricordarlo giusto per la cronaca, c’era stata da parte della commissione di gara l’aggiudicazione provvisoria dell’appalto ad un raggruppamento temporaneo d’imprese composto dall’azienda Gipi Appalti di Crispiano e dalla società Bardia di Taranto. Che aveva proposto un ribasso rispetto all’importo che oscilla intorno al 24 per cento. L’importo iniziale, infatti, era di 3,7 milioni di euro e, quindi, facendo un rapido calcolo ed applicando quel ribasso si arriva così intorno ai 2,6 milioni di euro circa». A novembre, c’è stata l’aggiudicazione definitiva e, infine, poco prima di Natale la firma del contratto tra l’azienda e l’Amministrazione comunale.

Va ricordato, infine, che a cavallo tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014, il progetto dei tecnici comunali fu modificato. La capienza originariamente era, ad esempio, intorno ai 300 posti. Insufficienti, per attirare le compagnie teatrali e per portare in scena le rappresentazioni più importanti. Ed allora, dunque, la nuova proposta ha previsto che il cineteatro di via Giovinazzi abbia non meno di 400 posti. Rispetto al passato, il cine - teatro non potrà contare sulla seconda galleria. Ce ne sarà una sola, oltre naturalmente alla platea, ad un bar e ad uno spazio per piccoli momenti culturali e per gli incontri con gli autori e con gli attori poco prima dell’inizio delle rappresentazioni teatrali.

Negli anni scorsi, a cavallo tra il 2009 ed il 2011, l’Amministrazione Stefàno percorse senza successo la strada del progetto di finanza che avrebbe coinvolto operatori privati impegnandoli nella ristrutturazione (a loro spese) del cinema «Fusco» cedendo loro la gestione di futuri parcheggi da realizzare nella zona sottostante la Rotonda del Lungomare. Non se ne fece più nulla.

In precedenza, era stata l’Amministrazione Di Bello ad acquistare con fondi Urban II il teatro per creare un percorso teatrale che avrebbe dovuto comprendere l’arena della villa Peripato, il «Fusco» di via Giovinazzi ed il teatro dell’innovazione di via Anfiteatro in cui, invece, l’Amministrazione Stefàno ha riportato gli uffici comunali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione