Cerca

ilva

Una Giornata della memoria
per l'operaio morto sul lavoro

francesco zaccaria

TARANTO - In occasione del quarto anniversario della morte di Francesco Zaccaria, il 29enne operaio dell’Ilva rimasto intrappolato nella cabina guida di una gru caduta in mare al passaggio di un tornado, oggi si è svolta a Taranto una 'Giornata della memoria' in ricordo di tutte le vittime del lavoro, del dovere e del volontariato. Alla cerimonia ha partecipato anche il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. (Guarda il video)
Un corteo di imbarcazioni ha raggiunto il punto esatto in cui avvenne l’incidente. In mare, nei pressi del molo Ilva, è stata lanciata una corona d’alloro benedetta da don Antonio Panico, in rappresentanza dell’arcivescovo Filippo Santoro. Sul quarto sporgente erano schierati dipendenti dell’Ilva e dell’Eni.

La cerimonia è stata organizzata dal presidente del Comitato 12 Giugno, Cosimo Semeraro, e dal console regionale Maestri del lavoro di Puglia, Francesco Germano. Oltre ai genitori di Zaccaria e ad altri familiari di vittime del lavoro, erano presenti il prefetto di Taranto, Umberto Guidato, i vertici delle forze dell’ordine e una delegazione di studenti delle scuole Righi e Aristosseno. L’obiettivo della giornata della memoria, hanno spiegato gli organizzatori, è quello di «tenere sempre alta l’attenzione sul grave problema degli incidenti mortali durante le attività lavorative».
Nel pomeriggio, nella sede della facoltà di Giurisprudenza, ci sarà la consegna del premio 'Zaccaria' ad Alessandro Mellace (Università di Catanzaro), vincitore del bando nazionale riservato a giovani laureati in legge che, nelle tesi di laurea, hanno trattato il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400