Cerca

Taranto

Soffocò e uccise la madre
pm chiede l'assoluzione
per incapacità di intendere

Soffocò e uccise la madre pm chiede  l'assoluzione per incapacità di intendere

TARANTO - Soffocò e uccise l’anziana madre, Maria Luigia Magazzile, di 93 anni, ma al momento di compiere il delitto era incapace di intendere e di volere, come stabilito dal consulente tecnico d’ufficio e dal consulente di parte: per questo il pm di Taranto Filomena Di Tursi oggi ha chiesto l'assoluzione per Francesca Martire, di 61 anni, arrestata nel maggio dello scorso anno.

La donna è rinchiusa nel carcere di Pozzuoli, come disposto dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Dinanzi al gup Vilma Gilli si sta celebrando il processo con il rito abbreviato - richiesto dalla difesa - e nell’udienza del 19 luglio prossimo si dibatterà sulla pericolosità sociale dell’imputata, assistita dall’avv.Fabrizio Lamanna. L’omicidio fu compiuto in un appartamento di corso Italia. 

Durante l’interrogatorio di garanzia, Francesca Martire disse che la sua intenzione era quella di liberare l’anziana madre dalle presenze demoniache che avrebbero infestato la casa. Per questo le spinse un santino nella bocca, soffocandola. L’accusa ha sollecitato il trasferimento della donna in un centro psichiatrico specializzato, la difesa ha chiesto la libertà vigilata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400