Cerca

1° maggio

Afterhours, Fabi e Subsonica
al concertone di Taranto

Sono alcuni degli artisti che saliranno sul palco del Primo Maggio di Taranto, manifestazione interamente autofinanziata e creata dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti

 Litfiba e e Daniele Silvestri  al concertone di Taranto

ROMA - «La nostra festa del Primo maggio a Taranto ormai fa invidia soltanto alla festa del Primo Maggio dell’anno precedente di Taranto». Parola di Michele Riondino, alla guida della flotta di cittadini e lavoratori che da quattro anni accoglie artisti da tutta Italia nella città pugliese. L'«Uno Maggio di Taranto» torna al Parco archeologico delle mura greche, «in una terra in cui i privilegi hanno messo da parte tutti i diritti degli operai», ha detto Roy Paci, alla direzione artistica dell’evento insieme con Riondino e con la new entry Diodato. La manifestazione continua ad essere autofinanziata, sostenuta dai cittadini e dal contributo del Taranto Football Club: «Se avessimo accettato anche solo un euro dalle compagnie petrolifere - ha detto Michele Riondino - avremmo dovuto nasconderci».

«Non è un giorno di semplice musica - ha sottolineato il cantautore durante la conferenza di presentazione dell’evento, oggi a Roma - ma di lotta per ciascun essere umano che sceglie di venire a Taranto». E lo è anche per gli artisti che saliranno sul palco - dagli Afterhours ai Litfiba, da Daniele Silvestri a Niccolò Fabi, dai Subsonica a Levante - che hanno scelto di esibirsi a titolo gratuito per dare il proprio contributo all’impegno politico del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, un gruppo di operai e cittadini formatosi a seguito del sequestro degli impianti inquinanti dell’Ilva nel 2012.

La novità di quest’anno si chiama «Riconversioni» ed è un calendario di eventi intorno al concertone della festa dei lavoratori. Il festival tarantino «prende finalmente la forma che volevamo da sempre - ha detto Michele Riondino - Sarà, infatti, la giornata conclusiva di una settimana di eventi tra mostre, concerti, rappresentazioni teatrali, mostre cinematografiche». Per il 28 aprile è annunciato un concerto dei 99 Posse e per il 30 aprile un dj-set di Samuel e Busta dei Subsonica. La festa del Primo Maggio sarà la ciliegina sulla torta: a partire dalle 14.00, saliranno sul palco dell’Uno Maggio di Taranto anche Ghemon, LNRipley, Beatrice Antolini, Ministri, Luminal, Teatro degli Orrori, Andrea Rivera, Renzo Rubino, Selton, Giovanni Truppi. Parteciperanno al concerto anche gli autoctoni: artisti tarantini come Mama Marjas, Orchestra Mancina, Terraross, SFK, Fidoguido, Frank Buffoluto.

«Ridare un senso sociale a una manifestazione è già un valore enorme e poi siamo molto legati alle tematiche dell’Uno Maggio di Taranto, a partire dai problemi sanitari», ha detto Manuel Agnelli degli Afterhours. «È molto importante che i festival e le manifestazioni recuperino questo tipo di sincerità e di spirito che è un valore aggiunto che rende unici gli eventi, li rende magici - ha aggiunto - e questo può succedere in situazioni in cui tutti si riconoscono nello scopo principale». Quello del concerto di Taranto è chiedere che vengano garantiti lavoro e salute. La proposta di legge è stata presentata agli stessi lavoratori Ilva. Sono annunciati anche spazi dedicati alle donne, a Giulio Regeni, ai bambini affetti da autismo. «Sarà il microfono - per dirlo con le parole di Roy Paci - di tante problematiche del territorio italiano». (di Paola Mentuccia, ANSA) 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400